di


Orodautore prosegue il tour, ad agosto si va in Abruzzo

Orodautore”, la collezione itinerante di Arezzo, quest’estate fa tappa in Abruzzo: sarà infatti “guest stardella 41esima Mostra dell’Artigianato artistico abruzzese che si terrà dal 1 al 20 agosto a Guardiagrele, provincia di Chieti.

Un evento che si ripete ogni anno e che tra poco meno di 10 giorni vedrà esposta una selezione di oltre 70 capolavori della collezione che annovera opere disegnate da artisti (pittori, scultori, designer che si sono cimentati con l’arte orafa, o viceversa) del calibro di Giò Pomodoro, Gae Aulenti, Mario Botta, Andrea Branzi, Nicola Carrino, Riccardo Dalisi, Luca Alinari, e stilisti come Versace (foto d’apertura) e Armani, e realizzate da aziende orafe aretine.

Una parte degli oggetti in mostra è ora in giro per il mondo e al termine della manifestazione farà temporaneamente ritorno ad Arezzo. Ci saranno anche pezzi di Pietro Cascella, scultore, pittore, ceramista, originario per parte di madre proprio di Guardiagrele: l’artista si è distinto per vere e proprio sculture gioiello inadatte all’indosso ma capaci di regalare sensazioni legate alle idee e alla preziosità dei materiali.

La Mostra dell’artigianato artistico abruzzese ospita anche un concorso Biennale nazionale di Arte orafa – quest’anno è l’edizione numero 14 – intitolato a Nicola da Guardiagrele, vissuto a cavallo tra il 1300 e il 1400 e considerato uno dei primi artisti orafi al mondo. Il concorso è riservato ai Maestri orafi ed agli studenti degli Istituti Statali d’Arte e Scuole di Oreficeria (ai migliori sono destinati stage e borse lavoro), con l’obiettivo di promuovere e valorizzare l’arte orafa in tutto il territorio nazionale e metterla a confronto con le proprie produzioni artistiche delle altre regioni. Creare un connubio tra tradizione e di innovazione per giungere alla costruzione di una rete sinergica che valorizzi l’arte, le produzioni e allarghi gli orizzonti ed i mercati.

Proprio ai giovani deve risultare appetibile il settore dell’artigianato, come ha sottolineato il vicepresidente della Giunta regionale d’Abruzzo, Alfredo Castiglione: “Noi, attraverso il sostegno alla bottega-scuola facciamo del nostro meglio per promuovere la riscoperta di un comparto che, oltre a offrire soddisfazioni professionali, può garantirne anche di economiche”. Grande soddisfazione è stata espressa dal presidente dell’Ente mostra, Gianfranco Marsibilio, soprattutto per il rapporto di collaborazione con Arezzo Fiere e Congressi e Orodautore che porterà a Guardiagrele i pezzi più belli della collezione contemporanea.

Durante la manifestazione sarà presentata anche la medaglia celebrativa dei 150 anni dell’Unità d’Italia, raffigurante il primo conio della moneta che fu battuta a ”Corfiniun” nel 91 A.C. e sulla quale comparve, per la prima volta, il nome di Italia. “Alla luce dei nostri risultati – ha spiegato Marsibilio – coltiviamo il sogno di far diventare Guardiagrele capitale di oreficeria del Centro Sud”.

Arezzo Fiere e Congressi, dunque, intensifica la propria attività di dialogo con le altre realtà italiane e la partecipazione di Orodautore alla manifestazione abruzzese ne è una dimostrazione. Ma l’ente che organizza la fiera toscana dell’oro guarda anche all’estero: è in programma per il prossimo ottobre (4-5) un workshop a New York e da inizio luglio è possibile presentare richiesta di partecipazione.

Tra tutti i candidati interessati a prendere parte alla strategia di promozione e sostegno favorita da Arezzo Fiere e Congressi, saranno selezionate circa quindici aziende orafe aretine: per loro, una splendida sala allestita e attrezzata dell’hotel Millenium di Broadway, incontri mirati con circa 100 buyer statunitensi, provenienti per la maggior parte dall’area newyorkese, ma anche dalla California, dal Canada e dal Messico. Compratori di cui le aziende potranno sapere tutte le caratteristiche e le specificità, grazie ad un book informativo che verrà distribuito poco prima degli incontri.

“Grazie alla notevole esperienza acquisita sul campo – spiega Raul Barbieri, direttore di Arezzo Fiere e Congressi – stiamo ottimizzando sempre più tempi e risorse e cerchiamo di razionalizzare al massimo le attività. Il book che forniremo alle aziende vuole essere un supporto di orientamento, per conoscere con esattezza le esigenze del compratore e specifiche tecniche della richiesta (oro, argento, oro con pietre, e via dicendo). Questo permette alle aziende di utilizzare al meglio il tempo a disposizione, riservando gli incontri al referente che risponde al meglio alle proprie caratteristiche di offerta. Questo appuntamento è giunto alla nona edizione – prosegue Barbieri, – ed ogni anno incontra un crescente interesse da parte delle Aziende, ma anche da parte dei buyer da noi contattati, da sempre attenti e interessati alle novità proposte dal nostro comparto”. La scelta della città di New York non è casuale: il mercato statunitense sta tornando ad essere nuovamente punto di riferimento per le imprese orafe.

“È evidente – conclude Giovanni Tricca, Presidente di Arezzo Fiere e Congressi – che la nostra politica consiste essenzialmente nel fornire il massimo sostegno possibile alle nostre aziende espositrici, in particolare a quelle di piccole e medie dimensioni che farebbero altrimenti fatica ad affacciarsi su certi mercati e a garantirsi visibilità. Siamo pertanto particolarmente grati al supporto e sostegno che ci ha voluto accordare Toscana Qualità, che intervenendo nel progetto, permette alle aziende di inserirsi nell’iniziativa a costi che potremmo definire simbolici”.

Romeo Gigli
Giorgio Armani
Pietro Cascella
Lapo Binazzi
Gae Aulenti
Dario Fo
Giuseppe Antonello Leone

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *