di


Orafi di Torino, un ciondolo per i bambini dell'ospedale Regina Margherita

In avorio vegetale il pendente dedicato alla città: l’intero ricavato sarà devoluto a favore della Ricerca in campo ematologico pediatrico della struttura

Orafi Torino_Regina Margherita

Da novembre fino a fine anno nei negozi aderenti all’Associazione Orafi di Torino sarà possibile acquistare, a 15 euro, il “Ciondolo per il Regina Margherita” realizzato in avorio vegetale, dedicato alla città di Torino. Il ciondolo è il fulcro dell‘iniziativa che l’Associazione provinciale Torinese Orafi, Gioiellieri, Argentieri, Orologiai e affini promuove a sostegno dell’Ospedale Infantile Regina Margherita di Torino.

L’intero ricavato sarà devoluto a favore della Ricerca in campo ematologico pediatrico dell’Ospedale: il pendente è stato ideato da Enrica Vinesia, Vicepresidente Associazione Orafi Torinese che ha pensato, insieme agli altri associati, di legare l’iniziativa alla Onlus “Io sto con il Regina Margherita” presieduta da Roberta Bona. Si tratta di un ciondolo realizzato in avorio vegetale con il seme di una palma della Foresta Amazzonica del Sud – America.

Un prodotto green, ideato per l’interior design con un sistema di rivestimento a mosaico. Due metri quadrati di avorio vegetale salvano un metro quadrato di Foresta Amazzonica. Semplice come un seme, forte come una pietra, simbolicamente vicino alla personalità dei piemontesi, il Ciondolo intende essere un amuleto di e per Torino, un dono della natura, un sogno da condividere per un futuro ecosostenibile.

Fulvio Pertica630“Anche noi dell’Associazione Orafa Torinese stiamo cercando di dare il nostro apporto per una giusta causa: del nostro settore si parla più frequentemente in modo negativo, volevamo anche invertire questa tendenza. L’aver pensato al Regina Mergherita è stato un suggirimento di un nostro associato che già sostiene l’ospedale – dichiara Fulvio Pertica, presidente Associazione Orafi Torinesi (in foto a sinistra) -. Si è cercato di realizzare un gioiello rappresentativo della nostra categoria e che simboleggi la nostra città: speriamo, con l’aiuto dei nostri associati, di poter dare un contributo significativo a dimostrazione che se si vuol fare si può fare. Consapevoli che questa iniziativa deve essere confermata più con i fatti che con le parole, cercheremo di sostenere il progetto con il massimo impegno possibile per il raggiungimento dell’obiettivo”.

“Con molta soddisfazione abbiamo deciso di aderire alla richiesta dei nostri Orafi di presentare ‘Il Ciondolo per il Regina Margherita’, un oggetto di linea e di tendenza, un talismano alla portata di tutti i turisti che intendono visitare la nostra città – dichiara Maria Luisa Coppa, presidente Ascom Confcommercio Torino e provincia -. I nostri Orafi sono una categoria molto propositiva che ha saputo resistere alla crisi e adeguarsi ai tempi e non potrà non trarre giovamento dai recenti provvedimenti della Legge di Stabilità che ha previsto di alzare l’utilizzo del contante a 3000 euro. Anche in questo settore l’abbassamento della soglia sull’uso del contante ha comportato molte difficoltà per le imprese orafe e perdita di opportunità economiche. Sono pienamente d’accordo quindi con l’aumento di utilizzo del contante. Come Confcommercio abbiamo fatto una grande battaglia e il risultato non può che soddisfarci”.

Orafi Torino_

(Il gruppo degli Orafi di Torino alla presentazione dell’iniziativa)

L’Associazione Orafi ha deciso di sostenere la Onlus “Io sto con il Regina Margherita”, Comitato per lo sviluppo dell’ospedale infantile Regina Margherita di Torino. Una associazione che nel giro di poco tempo ha già realizzato numerose iniziative come il rinnovamento tecnologico del Pronto Soccorso, l’acquisto di monitor e la centralina indispensabili per la creazione dell’Osservazione Breve Intensiva e di impianti cocleari per il reparto di Otorinolaringoiatria. Da un anno a questa parte la Onlus si sta dedicando alla ristrutturazione del Day Hospital di Neuropsichiatria e all’Ambulatorio Bambi.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *