di


Oltre 91mila presenze al Macef, forte impulso dai buyer italiani. Grande movimento ai padiglioni di Bijoux

Premiati i 4 vincitori del concorso The Best of Bijoux: medaglie consegnate a Vintage, Iron, Trame e Rame e Sassi Forbici Carta

Oltre 91mila presenze è il traguardo raggiunto quest’anno dal Macef di Milano: al Salone Internazionale della Casa, giunto alla sua 94esima edizione, il 14 per cento dei visitatori proveniva dall’estero, per un totale di 110 paesi. “Un’edizione cha ha premiato i nostri sforzi ma soprattutto quelli dei nostri espositori che hanno presentato prodotti in anteprima, innovativi e di qualità – afferma Marco Serioli, direttore Exhibitions Fiera Milano -. Con un +3,5% rispetto alla passata edizione questo Macef inizia a intravedere la voglia di ripresa”.

L’andamento positivo di questa edizione è stato trainato dai buyer italiani, in particolare da quelli provenienti dalle regioni del centro-sud. Sul fronte estero segnali molto positivi dal Giappone con +27%, dagli Stati Uniti d’America +19%, dalla Croazia +11%, dalla Turchia +6% e dalla Russia + 6%, quest’ultimo, Paese che continua a crescere di edizione in edizione. Un calo si è invece registrato da Spagna (-20%), Francia (-9%) e Germania (-4%).

Significativo il movimento di visitatori generato nei padiglioni di Bijoux, dove è stato protagonista il mondo del design da indossare. L’area dedicata alla persona e all’accessorio ha presentato le principali tendenze per la primavera estate 2013, tracciando le tendenze principali riscontrate per la stagione alle porte.

Tre sono i macro-trend individuati, che hanno animato l’area Tendenze (intitolata Stili di Vita) al padiglione 11. Intramontabile, bijoux dove ricercatezza, eleganza e cura del dettaglio dal sapore retrò sono i protagonisti; Naturalmente, tutto ciò che si trova in natura, legno, pietra o metallo diventa materiale da cui ricavare bracciali, collane e orecchini; Senza Frontiere, gioielli e accessori che si ispirano a realtà lontane nel tempo e nello spazio: queste tre tendenze sono state anche il leit motiv del premio The Best of Bijoux, organizzato da Macef in collaborazione con Preziosa magazine. A queste categorie si è aggiunta una quarta, riservata agli espositori di Designer Club, chiamata “Futurismo”.

Di seguito le aziende vincitrici selezionate dalla giuria composta da Maria Rosaria Petito, responsabile della redazione di Preziosa magazine, e le due giornaliste Giada Borioli e Claudia Ricifari. Il premio per la Categoria Intramontabile è stato assegnato a Vintage, per “aver creato un gioiello romantico e al tempo stesso attuale. Per aver riadattato al presente la bellezza del passato, sfruttando fantasia, tecniche innovative e creatività”.

Vintage Bijoux, premio per la categoria Intramontabile

Per la categoria Naturalmente si è classificato primo Trame e Rame, per “essere riuscito a cogliere ispirazione dal mondo naturale, nella lavorazione, nella scelta delle materie prime e nella fattura dei propri prodotti”.

Trame e Rame, premio per la categoria Naturalmente

Il premio per la categoria Senza frontiere è andato a Sassi Forbici Carta, per “aver dimostrato curiosità e fantasia nel creare un bijoux unico nel suo genere, frutto di ricerca e di sperimentazione nell’utilizzo dei materiali usati”.

Sassi forbici carta, premio per la categoria Senza Frontiere

Vincitrice della categoria Futurismo, l’azienda Iron, per “aver dimostrato fantasia, creatività e sperimentazione, realizzando dei bijoux attuali e al tempo stesso altamente innovativi”. Prossimo appuntamento con Macef dal 12 al 15 settembre.

Iron, premio per la categoria Futurismo
I 4 premiati con la giuria e la exhibition manager Li Gobbi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *