di


Oltre 80mila visitatori a HOMI Milano

Si è chiuso ieri il Salone degli Stili di vita. I buyer cinesi lanciano l’appello: “Amiamo il made in Italy. Producete di più”

 

HOMI 2015_

È stata un successo la terza edizione di HOMI, la manifestazione milanese dedicata agli stili di vita che si è chiusa ieri nei padiglioni di Fieramilano a Rho. Oltre 80mila visitatori, di cui il 15% proveniente dall’estero, per un totale di 1.500 espositori. Nell’offerta merceologica, si distingue per capacità di crescita e qualità il satellite interamente dedicato al bijoux e all’accessorio moda, nelle loro variegate accezioni tra collezioni e spunti di ricerca.

Si consolidano i buyer russi e resta significativa la presenza di turchi, francesi e cinesi. E proprio dall’Estremo Oriente arrivano gli spunti più significativi sulle prospettive del mercato italiano. L’Italia gioca ancora un ruolo da top player nell’orientamento alla spesa dei big spender cinesi, che percepiscono il prodotto italiano non solo come oggetto d’eccellenza in qualità e design, ma anche come simbolo di un insieme di valori tradizionali senza eguali nel resto del mondo.

HOMI 2015_bijoux

Ad affascinare il pubblico cinese è infatti soprattutto il concetto di stile di vita italiano, veicolato attraverso i diversi tipi di prodotto, dagli strumenti di cucina ai mobili passando per la decorazione della casa in tutti i suoi aspetti. E la rapida ascesa delle classi più ricche ha generato una domanda di prodotti e beni anche superiore all’offerta del mercato italiano.

Sempre nuove collaborazioni, tra l’altro, si affacciano nell’organizzazione di HOMI: ultima in ordine di tempo, quella con l’Associazione orafa lombarda (Aol), che ha debuttato nell’area Fashion&Jewels. Si alimenta così una rete di operatori altamente qualificati che contribuiscono ad alzare il livello della manifestazione, con lo sguardo già proiettato alle prossime edizioni.

“Dopo un anno e tre edizioni – dice il presidente di Fiera Milano Michele Perinipossiamo adesso parlare di una scommessa vinta. HOMI sta reinventando l’incontro tra domanda e offerta in un settore strategico con una tradizione espositiva ultraventennale in Italia: un’altra tappa di un percorso ancora lungo verso la creazione di un vero polo di riferimento per i settori coinvolti. Per questo, con la stessa convinzione, continuiamo nel processo di internazionalizzazione grazie al legame con i più importanti eventi mondiali. Lo abbiamo già fatto a Mosca in ottobre, quando abbiamo portato 120 espositori davanti a oltre 8mila visitatori da tutto il mondo. Lo rifaremo a maggio a New York, in contemporanea con la prestigiosa ICFF – International Contemporary Furniture Fair, replicando il nostro format con una selezione delle migliori aziende del living. Il tutto con lo sguardo già alla prossima edizione di settembre, nel pieno dei lavori di Expo 2015, e poi di nuovo in Russia”.

HOMI 2015_Too late


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *