di


Nuovo managing director per l’Israel Diamond Institute

Il Cda dell’IDI ha nominato Aviel Elia, che prende il posto di Eli Avidar. Il nuovo direttore è consigliere giuridico e segretario aziendale dell’Istituto dal 2013

IDI_managing director-min
Il nuovo managing director di IDI Aviel Elia

L’Israel Diamond Institute ha un nuovo managing director: il Consiglio di amministrazione dell’IDI ha nominato Aviel Elia in sostituzione di Eli Avidar, che è entrato a far parte di IDI nel 2007 e ha ricoperto questa posizione, con una breve interruzione, fino a oggi. Aviel Elia, avvocato, è stato consigliere giuridico e segretario aziendale di IDI dal 2013, ruolo per il quale è stato coinvolto nello sviluppo di strategie aziendali e nella negoziazione di tutte le transazioni aziendali. È stato responsabile di molti aspetti della gestione aziendale e operativa, inclusi budget, processi normativi e implementazione, e ha rappresentato l’istituto nei rapporti con gli enti governativi.

“Sono molto contento di questa nomina – ha detto il presidente dell’IDI Boaz Moldawsky -. Aviel Elia è molto esperto nella mission e nelle attività dell’Istituto. Ha mostrato capacità di leadership, iniziativa e impegno. Siamo tutti molto contenti che ora sarà a capo dell’organizzazione”.

“Sono entusiasta di assumere il mio nuovo ruolo con IDI – ha commentato Elia – e di guidare il suo staff di talento. Ho avuto la fortuna di lavorare con Eli Avidar e ho imparato molto da lui. IDI è in una posizione unica per collaborare con tutte le parti del settore per rafforzare il settore israeliano dei diamanti, avviando nuovi progetti e fornendo assistenza e strumenti importanti ai diamantai, come abbiamo fatto in passato”.

Aviel Elia ha conseguito un Master in Business Administration e la laurea in giurisprudenza presso il Centro interdisciplinare Herzliya e ora sta studiando per un Executive MBA presso l’Università Ebraica. Esperto di sicurezza, ha ricoperto diverse posizioni manageriali nei servizi di sicurezza dello Stato e nel sistema di sicurezza dell’autorità aeroportuale israeliana.

 


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *