di


Novità e bellezza, le tendenze e le eccellenze presentate dalle Maison nelle ultime fiere

ELASTICI E SENSUALI

Tante bimbe hanno messo al polso un piccolo elastico, immaginando il gioiello più bello del mondo. Diventate donne, hanno ancora la stessa voglia di giocare. Sembra che l’abbiano colto al volo alcune delle migliori marche di gioielleria italiane, proponendo gioielli flessibili.

L’idea è venuta prestissimo a Fope, che nel 2007 ha brevettato la maglia Flex’it, perfetta combinazione tecnologia e design. Pratici e confortevoli, bracciali e anelli nascondono all’interno microscopiche molle in oro, senza apporto di altri metalli. Come nei nuovi bracciali Love Nest che vediamo qui di seguito.

FOPE - bracciali con maglia elastica Love Nest
FOPE – bracciali con maglia elastica Love Nest

Al sogno femminile del gioiello elastico e leggero deve aver pensato Ponte Vecchio Gioielli progettando i bracciali della nuova collezione Nobile. Un tubetto d’oro intrecciato, che racchiude un’anima in titanio, avvolge il polso una, due, tante volte… Accanto, un bracciale impreziosito da passante con diamanti.

Ponte Vecchio Gioielli - collzione Nobile
Ponte Vecchio Gioielli – collzione Nobile

Vedendo le sue amiche indossare delle semplici molle in acciaio colorato, negli anni ’90 Roberto Demeglio decise di vestirle con bracciali preziosi ma altrettanto morbidi. Da allora, i suoi bracciali hanno invisibili micromolle in acciaio inossidabile. Snodi ed elasticità contraddistinguono anche le collezioni hi-tech: il nuovo bracciale Aura in ceramica dorata ha una tessera in oro rodiato nero con pavé di diamanti neri.

Roberto Demeglio - bracciale Aura in ceramica dorata con tessera in oro rodiato nero e pavé di diamanti neri
Roberto Demeglio – bracciale Aura in ceramica dorata con tessera in oro rodiato nero e pavé di diamanti neri

COLORI PREZIOSI

Sedotte dal fascino dei diamanti e da variopinte pietre semipreziose, le donne hanno trascurato un po’ le preziose colorate: rubino, smeraldo, e zaffiro blu. Gemme che hanno fatto la storia della gioielleria e che sono riapparse in gran numero tra le nuove proposte dei gioiellieri italiani. Per la collezione Noor, Casato punta su smeraldi o zaffiri punteggiati da diamanti, come negli orecchini in oro rosa di seguito.

CASATO - orecchini in oro rosa, zaffiri e diamanti
CASATO – orecchini in oro rosa, zaffiri e diamanti

E Crivelli mette ampi cabochon preziosi al centro di due anelli della collezione “I colori dell’oro”.

CRIVELLI - anelli della collezione "I colori dell'oro"
CRIVELLI – anelli della collezione “I colori dell’oro”

PERLE E DIAMANTI

Perle e diamanti raggiungono un’armonia di forma e colore davvero unica, insieme al blu degli zaffiri, in un recente capolavoro di Carlo Palmiero, che nell’anello Onde interpreta alla sua maniera lo spumeggiare di un’onda marina.

Carlo Palmiero - anello Onde in oro e perle, diamanti e zaffiri
Carlo Palmiero – anello Onde in oro e perle, diamanti e zaffiri

FANTASIE PER SEMPRE

Un diamante è per sempre: oltre a sottolineare con classe l’eleganza di una donna, può essere infatti un buon investimento. Oltre al classico solitario, oggi vanno le collane lunghe: la moda le interpreta non solo come fila regolare di brillanti, preferendo a volte una varietà di tagli e in particolare l’alternanza tra tagli rotondi e pietre “di forma”.

Qui diseguito una “chanel” tennis di Crieri in oro e diamanti gialli, una di Zydo con diamanti bianchi e il collier Sirio di Stefan Hafner in diamanti e zaffiri.

CRIERI -  “chanel” tennis
CRIERI – “chanel” tennis
Zydo - collier diamanti bianchi
Zydo – collier diamanti bianchi
Stefan Hafner - collier Sirio di diamanti e zaffiri
Stefan Hafner – collier Sirio di diamanti e zaffiri

INNOVARE CON CLASSE

L’importante è stupire, ma il segreto è saperlo fare con creatività e senza troppi eccessi, che hanno un po’ stancato. Sorprende con classe l’anello Pegaso di Stefan Hafner, che coniuga il classico motivo dell’anello a fascia con forme ampie, una tavolozza di rubini, zaffiri multicolor, tzavoriti, diamanti bianchi, neri e brown, e soprattutto con un’originale apertura a scoprire il dito.

Stefan Hafner - anello Pegaso
Stefan Hafner – anello Pegaso

 


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *