di


“Non esistono innocenti. Esistono solo gradi diversi di responsabilità” (S.L.)

Si sta sperimentando un computer ottico che utilizza la luce invece dell’elettricità; è già realtà la prima protesi robotica che, collegata ai nervi, funziona come un arto naturale; fa passi da giganti la Social TV…
Gran bei risultati, e sono solo gli ultimi in ordine di tempo tra i più rilevanti della scienza, da ipotizzare un futuro da Sci-Fi, dove tutto è possibile. Possibile, sì, ma non probabile viste le condizioni in cui versa il pianeta. E se per François Mauriac è un’afflizione l’inutilità di conquistare la Luna se si sta per perdere la Terra, per gli scienziati sembra già essere una certezza.
La filosofia del throw away continua a trascinare nel dimenticatoio bellezza, armonia e unicità che sarebbe conveniente incominciare ad agire mostrando il lato più generoso del nostro egoismo.
In fondo siamo tutti sotto lo stesso cielo.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *