di


Nobili Iridescenze. L’opale esplora intriganti suggestioni creative

Talismano per gli orientali, pietra non amata dagli occidentali. Regina delle gemme per Shakespeare, addirittura la più bella dopo lo smeraldo per Plinio. Davanti a questo eterogeneo scenario di interpretazioni, è bastato che nel XIX secolo la regina Vittoria riabilitasse l’opale a pieno titolo come sua pietra preferita, perché riacquistasse in pochissimo tempo il ruolo assoluto di gemma eletta.

Le Vian
Le Vian

L’aspetto nobile vince quando il gioco di colore produce un effetto di ‘arlecchinamento’, ma quando il suo volto vira verso un mood più ‘nebuloso’, l’opale si manifesta con un’allure quasi diafana, chiara, poetica. È sufficiente questo camaleontico plateau, così ricco di varianti e sfumature cromatiche, di mescolanze e nuances tra i viola, i rossi, i verdi, per intuire quanto l’opale sia attualmente così apprezzato e richiesto dai più intriganti cahiers de dessin.

Silvia Furmanovich
Silvia Furmanovich

Le proposte creative che sfruttano l’iridescenza e l’ecletticità della sua forma la elevano a protagonista indiscussa di gioielli one-of-a-kind. Gli orecchini riescono più di ogni altra tipologia di gioiello a ‘sfruttarne’ potere e fascino. Silvia Furmanovich, dal Brasile, incanta con pendenti che ruotano intorno a magici opali neri. La sfumatura dominante qui è il verde, quasi marmoreo, con leggeri influssi blu, e la cornice di diamanti, a doppio giro, ne definisce pienamente il carattere.

Sutra
Sutra

Sempre nobile, australiano, intenso quando è tagliato a ‘slice’, l’opale cambia radicalmente presenza estetica se viene scelto nella variante opaca, nebulosa, quasi lattiginosa. La ghirlanda di diamanti cognac, che crea una sorta di decoro molto ‘frills’ intorno agli opali taglio cabochon di Sutra, comunica un senso di bellezza e ricchezza ornamentale che colloca i gioielli con opali in un insolito cabinet de curiosité.

Cartier
Cartier

Un’opalescenza unica e rara data dalla regolare sequenza di micro particelle di silicio le quali, grazie a una particolare rifrazione della luce, assicurano un effetto arcobaleno che muta ed enfatizza l’innata e fascinosa allure dell’opale. È una vittoria annunciata quella di questa pietra  iridescente che esplora i confini del blu, si arricchisce di pagliuzze verdi, e si inserisce a pieno titolo nelle fila di un trend che oggi premia e inneggia a tutta la palette degli azzurri, dai toni più intensi a quelli più trasparenti.

Sutra
Sutra

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *