di


Nasce Oroitaly, le imprese del gioiello fanno rete

È stata costituita a Napoli l’associazione nazionale che mette insieme le lmi orafe per rafforzare la coesione e potenziare l’internazionalizzazione

artigiano 5

È stata costituita a Napoli l’associazione nazionale “Oroitaly”: le piccole e medie imprese italiane impegnate nella produzione orafa di altissima qualità uniscono le forze per potenziare la coesione nazionale nell’alta oreficeria e sbarcare sui mercati internazionali. A presiedere l’associazione è Generoso de Sieno, maestro orafo fornitore della Reale casa Borbonica, mentre segretario generale è Gianni Lepre, commercialista e docente alla Jean Monnet.

Gianni LepreL’associazione ha come scopo quello di promuovere il made in Italy della tradizione orafa e proiettarlo in una dimensione di internazionalizzazione, agendo nel contempo come voce univoca per interloquire con il governo centrale sulle grandi questioni fiscali e infrastrutturali. “In Italia esistono circa novemila aziende che impiegano quasi trentamila persone – spiega Gianni Lepre (in foto a sinistra) – con una contrazione del mercato europeo cui fa da contraltare la capacità di esportazione nei paesi asiatici ed arabi. Nella filiera nazionale la tradizione orafa del Sud ha una sua peculiarità poiché la sua derivazione antropologica è di natura monarchica e ciò ha comportato la possibilità di acquisire commesse di grande rilevanza, ma è nell’insieme – si pensi al Veneto, al Piemonte o alla Toscana – che l’Italia ha dimostrato di essere all’avanguardia nel settore”.

“La grande filiera italiana – commenta il neo presidente de Sieno – ha bisogno di una valorizzazione che le consenta di aumentare l’esportazione e di affermare con maggiora forza, nel mondo, il segno della sua classe. Le esportazioni crescono progressivamente del 7% , ma l’obiettivo può essere quello di superare annualmente il 10 e di migliorare il mercato interno”.

Defiscalizzazione per le aziende in start up, facilitazioni connesse all’abbattimento dei costi per le imprese che internazionalizzano e che acquisiscono nuova manodopera: queste alcune delle proposte avanzate da Oroitaly, con uno sguardo all’apprendistato di qualità finanziato dallo Stato come patrimonio di conoscenza e di impresa da tramandare, con una premialità che riguardi gli stessi maestri artigiani.


2 commenti

  1. Iniziativa egregia, complimenti. Noi siamo presenti in India da 7 anni con strutture, sedi e personale in Mumbai ed aiutiamo le aziende italiane ad entrare in questo grande mercato (ancora inespresso). L’India è uno dei grandi produttori e consumatore di oro, ma non hanno il nostro stile e la raffinata capacità di lavorazione e creazione dei prodotti. Può essere una grande opportunità entrare in guesto mercato.
    Domenico Fasano 3386204271


  2. Questa iniziativa è lodevole e spero faccia conoscere meglio il nostro settore dell’oro.

    L’opinione degli addetti ai lavori dovrebbe essere sempre la benvenuta.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *