di


Nasce Confindustria Moda

 

Ognuno fa un piccolo passo indietro per fare tutti insieme due passi avanti.

Sarà operativa dal 2018 Confindustria Moda, la nuova Federazione da 88 miliardi di euro di fatturato Made in Italy in cui sono rappresentate oltre 67 mila imprese che occupano più di 580 mila lavoratori nel comparto tessile, moda e accessorio, registrando nel 2016 una quota percentuale di export del fatturato pari al 62%. Ne è stato dato l’annuncio nel corso di un’affollatissima conferenza stampa a Palazzo Bagatti Valsecchi a Milano, alla presenza del Sottosegretario allo Sviluppo economico Ivan Scalfarotto e del Presidente di Confindustria Vincenzo Boccia.

fortis-confindustria_moda_accessorio

confindustria moda

nasce confindustria moda

nasce confindustria moda

Confindustria Moda raggruppa le imprese associate a SMI e a FIAMP – che riunisce AIMPES (Associazione Italiana Manifatturieri Pellettieri e Succedanei), AIP (Associazione Italiana Pellicceria), ANFAO, Assocalzaturifici e Federorafi (Federazione Nazionale Orafi Argentieri Gioiellieri Fabbricanti). Molto presto sarà formalizzata anche l’adesione di UNIC, l’Unione Nazionale Industria Conciaria. Le Associazioni federate manterranno autonomia operativa su tematiche verticali e specifiche di ciascun settore, come ad esempio gli eventi e le fiere, mentre Confindustria Moda per ora offrirà ai propri associati servizi trasversali di consulenza legale, gestione delle relazioni industriali e un ufficio studi.

Claudio Marenzi, Presidente di SMI/Sistema Moda Italia, è stato eletto alla presidenza e resterà in carica per il primo biennio, affiancato alla Vice Presidenza da Cirillo Marcolin, Presidente di FIAMP/Federazione Italiana dell’Accessorio Moda e Persona e di ANFAO/Associazione Nazionale Fabbricanti Articoli Ottici.

nasce confindustria moda
Il Presidente Claudio Marenzi
nasce confindustria moda
Il Vice Presidente Cirillo Marcolin

Questa è una scelta strategica fondamentaleha dichiarato Ivan ScalfarottoE’ una scommessa che sarà vincente per l’impegno di tutti. Il genio individuale che si riconosce agli italiani non è un fattore isolato, fa parte della cultura e della tradizione. Ed è questo sano orgoglio che deve motivarci ancora di più a diffondere nel Paese la portata e il valore del Made in Italy, per il Pil ma anche per l’immagine dell’Italia. In 12 mesi ho partecipato a 25 missioni all’estero toccando con mano il rispetto e l’attenzione che tutti ci portano perché i nostri prodotti sono belli e ben fatti.”

Per il neo Presidente Claudio Marenzi “Oggi è una giornata storica per il Made in Italy. Noi siamo l’eccellenza artigiana nell’immaginare, creare e far sognare i consumatori. Siamo anche uno dei settori trainanti del PIL italiano ed europeo, e ci prendiamo il posto che ci spetta in Italia e in Europa, continuando con più forza battaglie su temi come la lotta alla contraffazione, la distribuzione, i rapporti sindacali. Insieme rappresentiamo l’industria sinonimo di gusto, creatività. Siamo con orgoglio gli ambasciatori del Made in Italy.

Confindustria Moda” ha dichiarato dal canto suo il Vice Presidente Cirillo Marcolin “nasce con l’intento di dare una casa comune alle esigenze delle aziende che fanno parte delle diverse associazioni aderenti. Abbiamo ideato un’offerta diversificata di servizi con l’obiettivo di sostenere e promuovere il nostro Made in Italy, sinonimo intrinseco di qualità, di un sistema unico che racchiude una delle industrie cardine dell’economia italiana.

La nuova Federazione si è dotata di un sistema di governance che prevede l’alternanza alla presidenza tra SMI e FIAMP, con mandati biennali, e due direttori generali con deleghe specifiche: Gianfranco di Natale, attuale direttore generale di SMI e Astrid Galimberti, che ricopre lo stesso ruolo in ANFAO.

Inoltre, Confindustria Moda ha già formalizzato l’acquisizione di una nuova sede a Milano, nella quale confluiranno tutte le associazioni, le manifestazioni fieristiche e gli uffici della neonata Federazione.

Con questo nome, Confindustria Moda – ha sottolineato il neo presidente Marenzi – vogliamo sottolineare la nostra anima industriale. Ogni associazione ha fatto un passo indietro per dare vita a questo progetto, importante per rafforzare l’immagine del sistema moda italiano”. “Siamo riusciti a superare l’individualismo che ha contraddistinto il sistema per molto tempo”, ha aggiunto Marcolin.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Orizzontale AMERICA