di


Mostre sui mestieri d’Arte, la celebrazione di Vacheron Constantin

Trio UniversInfinis

Tre giornate all’insegna della valorizzazione dei mestieri d’arte. Quale brand se non Vacheron Constantin poteva esserne il patron? Prima a Parigi, con le “Mémoires d’Avenir”, poi a Milano, con “Capi d’Opera”, due mostre hanno celebrato l’importanza della tradizione nell’artigianato, protagonista dal 29 marzo al primo aprile. Nella capitale francese, presso l’Ecole Nationale Supérieure des Beaux-Arts, Vacheron Constantin, insieme all’Institut National des Métiers d’Art francese (INMA), ha inaugurato la mostra intitolata “Mémoires d’Avenir”. Circa 250 ospiti si sono riuniti per l’occasione: tra loro, Frédéric Mitterrand, ministro francese della Cultura e della Comunicazione, Frédéric Lefebvre, segretario di Stato per il Commercio, Industria, Artigianato, Piccole e medie imprese, Turismo, servizi, lavoro autonomo e affari dei consumatori, Jean-Michel Delisle, presidente di Inma, Franco Cologni, presidente della Fondazione Cologni, così come Marc Guten, Direttore Marketing di Vacheron Constantin e Julien Marchenoir, Direttore Brand Equity & Heritage di Vacheron Constantin.

Frédéric Mitterrand, Ministro della Cultura e della Comunicazione

Il tema della mostra, “Mémoires d’Avenir”, si ispira al dovere di trasmettere conoscenze e competenze, un valore profondamente apprezzato dalla Manifattura svizzera. Presenti alla giornata una decina di maestri con competenze specialistiche e i loro apprendisti. La Manifattura Vacheron Constantin ha voluto rappresentarsi con un incastonatore insieme al proprio apprendista e due maestri guillocheur. La mostra parigina è stata anche l’occasione per presentare al pubblico la seconda collezione speciale della linea Métiers d’Art, denominata “Les Univers Infinis”, ispirata al lavoro dell’artista olandese Maurits Cornelis Escher noto per la tecnica della pavimentazione periodica chiamata “tessellation”. La serata era stata preceduta da tre giorni durante i quali gli artisti avevano aperto al pubblico i propri laboratori per mostrare da vicino le proprie competenze artigianali.  “Ringraziamo i maestri presenti per la passione e la generosità – ha commentato Marc Guten – con cui quotidianamente contribuiscono a mantenere vivo un patrimonio ricchissimo e contribuendo alla continuità di competenze secolari”.

Trio Makie sans Filigrane

Il giorno seguente la Manifattura si è “spostata” a Milano, a Palazzo Morando, per la mostra “Capi d’Opera” che ha reso omaggio alle eccellenze dell’Artigianato artistico lombardo. Oltre 200 ospiti tra cui Marco Pagani, direttore di Vacheron Constantin Italia, Franco Cologni, il senatore Mariapia Garavaglia e il Presidente dell’Ordine dei Cavalieri Italiani del Lavoro, Rosario Alessandrello. I visitatori hanno potuto ammirare oltre trenta botteghe di vari comparti produttivi, dal cuoio ai merletti alla moda con Caterina Crepax e Mila Schön. Vacheron ha partecipato con un maestro artista della lacca della società Zôhiko, con la quale ha collaborato nella collezione “La Symbolique des Laques” (la terza appartenente ai cofanetti Métiers d’Art), che è stata presentata in anteprima. Ma non è tutto: alle due inaugurazioni la Manifattura ha aggiunto l’annuncio di una nuova iniziativa rivolta ai mestieri artistici: Le Cercle 250, un circolo internazionale di mecenati che sarà composto da aziende che sono state in grado di garantire un’attività continua per oltre 250 anni, perpetuando e promuovendo tecniche esclusive attraverso abilità artigianali. “Lanciamo questo appello per tutte le aziende in possesso di questa lunga storia che condividono con noi questi valori nel campo dell’artigianato artistico – ha detto Julien Marchenoir -, per unirsi a noi in Le Cercle 250. Nella prefazione alla sua famosa enciclopedia, Diderot scrisse che ‘È forse negli artigiani che si trova la prova più mirabile della sagacia della mente umana, della sua pazienza e delle sue risorse’. Questa è una visione che condividiamo ancora oggi”.

Mr Yamamoto, maître laqueur della casa Zôhiko, durante la dimostrazione della sua attività

 


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *