di


Mostra di oreficeria a Zagabria, 45 aziende incontrano i buyer dell’Est Europa

Il 10 e l’11 giugno l’Ice accompagna le imprese italiane in Croazia: sfilata di gioielli a conclusione della prima giornata di appuntamenti business

Mancano pochi giorni alla nuova Mostra autonoma di Oreficeria organizzata dall’Ice a Zagabria: prende il via il 10 giugno presso l’Hotel Esplanade l’appuntamento della gioielleria made in Italy con il mercato dell’Est Europa. La due giorni coinvolge 45 aziende italiane che incontreranno 100 buyer croati e circa 70 operatori provenienti dall’Europa centro-orientale e dai mercati asiatici come Russia, Georgia e Azerbaijan.

Si tratta della settima Mostra autonoma di oreficeria organizzata dall’Ice: la prima ebbe come destinazione Varsavia, nel 2008, e a fronte del successo delle edizioni portate a termine in questi 6 anni, l’Agenzia per la promozione all’estero e l’internazionalizzazione delle imprese italiane (oggi denominata formalmente Ita, Italian Trade Agency) prosegue nell’organizzazione di eventi che mettono in contatto aziende con i mercati che mostrano maggiore interesse verso il gioiello made in Italy.

La prossima mostra itinerante ha come paese ospitante  la Croazia, scelta sia per celebrare la sua recente adesione all’Unione Europea, sia per le facilitazioni sul piano doganale e procedurale per le aziende che devono esporre il proprio campionario alla due giorni di Zagabria.

In un unico luogo si ritroveranno così imprese orafe e operatori provenienti da un’area geografica composita per esigenze e collocazione,  in un evento che unisce il business a un’attività di comunicazione e promozione dei valori connessi al gioiello italiano. A conclusione della prima giornata di incontri nella Sala Smeraldi, è prevista una serata speciale  con una sfilata di preziosi delle aziende partecipanti. Ad assistere all’evento, le delegazioni invitate dall’Ice e gli esponenti del mondo imprenditoriale e associativo croato.

L’iniziativa dell’Ice ha l’obiettivo di coinvolgere i paesi di vicinato europeo e dei mercati emergenti, pur localizzando la Mostra in area Ue, cosa che permette di massimizzare il ritorno promozionale e dando la possibilità alle imprese italiane di approcciare paesi diversi in un unico contesto; inoltre, la mostra porta avanti un progetto che, oltre alla promozione, spinge la produzione italiana verso un ritorno anche economico a breve termine.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *