di


Morini Gioielli: pensieri e parole in un giardino di Rose

C’è la tradizione orafa impressa nella città di Arezzo, una memoria che ha caratterizzato non poche aziende del centro Italia, come la Morini Gioielli -distribuita da 230 AR– che da quarant’anni racconta questa eccellenza attraverso creazioni che guardano molto avanti nel gusto e in un passato molto lontano nella perfezione delle tecniche. Un fashion d’avanguardia apprezzato sia in Italia, dove è presente in oltre 500 gioiellerie, sia all’estero tra cui gli Emirati Arabi e gli USA. La garanzia apposta in ogni confezione garantisce l’expertise in ogni fase della lavorazione.

L’argento è il suo materiale preferito che nelle sue ultime proposte porta il nome di “Rose” e di “Angele Dei”. Una linea che sa di poesia la prima, che della regina dei fiori ha preso la bellezza ma anche il profumo, l’unico e solo gioiello sul mercato a cui è stato dato il privilegio di profumare come un vero fiore, provare per credere. In questa la materia ha subito una particolare lavorazione che rende i petali così veri eppure tanto glamour perché è attraversata da una femminile leggerezza che passa dal grigio del metallo traforato alle tenui tonalità del color cipria di un bocciolo appena schiuso. “Angele Dei”, un altro brand della 230 AR, prende in prestito dal patrimonio del mondo cristiano le più belle preghiere e le incide a rilievo sull’argento, ma il credo qui non c’entra niente perché poco importa se si sceglie di indossarli per provocazione o per enfatizzare la propria spiritualità. Se medagliette, croci e santini hanno fatto e continuano a fare moda, il glamour di questa collezione dà un senso in più all’oggetto ed alla sua bellezza.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *