di


Monitor dei Distretti, brilla Valenza. In ripresa anche Arezzo e Vicenza

Nel primo trimestre il polo piemontese registra un +24,7%; il gioiello toscano a +5% e incremento positivo ma inferiore ai 10 milioni di euro per il comparto veneto

orafi-min

In ripresa il gioiello italiano: i periodici Monitor dei distretti di Intesa Sanpaolo fotografano buone performance dei principali distretti orafi, dopo un anno difficile.Ottima partenza per il polo piemontese, il distretto orafo italiano con la crescita maggiore di export nel 1° trimestre 2017. Arezzo ha visto le proprie export aumentare del 4,9%, in crescita su Hong Kong e Repubblica Dominicana, ma in forte arretramento negli Emirati Arabi Uniti. Il distretto orafo di Vicenza ha aumentato le proprie esportazioni verso egli Stati Uniti ma, al contempo, ha vissuto un arretramento su Hong Kong, Emirati Arabi Uniti, Francia e Regno Unito, raggiungendo un risultato complessivo di leggero aumento (+2,9%).

Inizio d’anno brillante, dunque, per il comparto piemontese dell’oro, in un contesto generale in cui le cui esportazioni dei distretti della regione sono aumentate del 14,2% tendenziale (239 milioni di euro di export in più rispetto al primo trimestre 2016), più del doppio rispetto alle esportazioni distrettuali italiane. Tra i nove distretti (su 11) che hanno visto crescere le proprie esportazioni doppia cifra per l’Oreficeria di Valenza (+24,7% tendenziale), giunto dopo un 2016 altalenante.

Monitor_Valenza-min

Un contributo importante è giunto da Francia (29,9 milioni di euro rispetto al primo trimestre 2016), Svizzera (+18,4 milioni di euro), Spagna (+3 milioni di euro), Hong Kong, Stati Uniti (7,4 milioni di euro) e Regno Unito, paesi verso i quali sono concentrate la maggior parte delle esportazioni. I livelli di export del primo trimestre 2016 sono stati mantenuti verso gli Emirati Arabi Uniti. In calo le esportazioni verso la Corea, diminuite di 6,4 milioni di euro, e Singapore (-1,7 milioni di euro).

Nella seconda metà del 2017, l’export dei distretti industriali, secondo le stime di Intesa Sanpaolo, potrà continuare a crescere a tassi sostenuti, in presenza di un contesto macroeconomico favorevole e di un tasso di cambio non penalizzante. Un sostegno alla crescita potrà venire anche dal mercato interno, grazie al buon andamento atteso per consumi e investimenti. L’ambiente è certamente favorevole, grazie alla presenza di significative misure governative a sostegno degli investimenti innovativi e alla disponibilità di buone condizioni di finanziamento.

Monitor_arezzo-min

I distretti tradizionali toscani evidenziano una crescita tendenziale del 7,6%, superiore al dato nazionale pari a 6,4%. Nell’analisi del Monitor dei Distretti della Toscana realizzato dalla Direzione Studi e Ricerche di Intesa Sanpaolo per Banca CR Firenze, in questo primo trimestre inversione di tendenza, rispetto al 2016, per l’Oreficeria di Arezzo (+21 milioni; +5%), che è tra i principali artefici della ripresa verso i paesi asiatici, in particolare Hong Kong, Cina e Giappone.

Monitor_Arezzo_mercati-min

In Veneto, ben 20 distretti sui 25 monitorati riportano variazioni tendenziali positive nel primo trimestre 2017. Ha riportato incrementi positivi ma inferiori ai 10 milioni di euro l’Oreficeria di Vicenza (con buone performance negli Stati Uniti, in Romania e in Germania). Hong Kong in calo, soprattutto per la diminuzione dell’export del gioiello vicentino.

Monitor_Vicenza-min

I distretti tradizionali toscani evidenziano una crescita tendenziale del 7,6%, superiore al dato nazionale pari a 6,4%. Nell’analisi del Monitor dei Distretti della Toscana realizzato dalla Direzione Studi e Ricerche di Intesa Sanpaolo per Banca CR Firenze, in questo primo trimestre inversione di tendenza, rispetto al 2016, per l’Oreficeria di Arezzo (+21 milioni; +5%), che è tra i principali artefici della ripresa verso i paesi asiatici, in particolare Hong Kong, Cina e Giappone.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *