di


Moda sul web, video interattivi la chiave per il successo

L’engagement su internet al centro dell’intervento dell’azienda SHAA allo IAB Digital4Fashion durante il Fashion & Technology Summit di Firenze

digital4fashion_summit-compressor

“I video interattivi sono un efficace veicolo di engagement per gli inserzionisti e per i brand in ogni angolo del mondo. Anche gli operatori del mondo Fashion stanno scoprendo il valore intrinseco di questi strumenti per la loro duplice caratteristica di creare engagement con l’audience e costruire una coinvolgente esperienza di brand”. A parlare di come la moda possa spopolare sul web è Luca Sepe, fondatore e amministratore delegato di SHAA, la mediatech company milanese del settore dell’advertising interattivo, tra i protagonisti dello IAB Digital4Fashion, l’evento che si è tenuto all’interno del Fashion&Technology Summit, organizzato a Firenze da Luisaviaroma.

Innovatori ed esperti del settore si sono confrontati attraverso presentazioni, tavole rotonde e momenti di networking. Uno dei focus ha riguardato i trend degli investimenti pubblicitari nel settore del fashion, lo storytelling e native adv; la video content strategy e il social engagement; l’influential marketing e il boom dell’e-commerce. All’interno di questo contesto l’Ad di SHAA ha partecipato alla tavola rotonda “Storytelling e Native ADV: nuovi approcci di consumer engagement” con un video su alcune significative case history relative al mondo del Fashion.

digital4fashion_luca-sepe-ad-shaa-compressor
Luca Sepe

“Quanto i video interattivi siano lo strumento più adatto per realizzare nuove e più originali forme di comunicazione e di digital storytelling. Ormai gli utenti grazie all’ausilio di un second screen come il tablet e lo smartphone hanno imparato a interagire con i video per “ingaggiarsi” con il brand ed i prodotti – ha spiegato Sepe – dal canto loro i video interattivi hanno una capacità di persuasione e di orientamento all’acquisto superiore ad ogni altro mezzo di comunicazione. E difatti registrano tassi di performance sette volte superiori rispetto ad un normale banner advertising. Questo accade perché i consumatori sono ormai definitivamente a proprio agio nell’utilizzo della tecnologia digitale e quindi chiedono molto di più e vogliono interagire e comunicare senza sosta”.

“Attraverso gli shoppable video, che nascono dall’incontro tra l’ecommerce e il native advertising – prosegue l’ad di SHAA – l’utente viene guidato, clic dopo clic, all’interno di un percorso di awareness con la possibilità di procedere con pochi e semplici passaggi all’acquisto dei prodotti presenti all’interno del filmato. Sul piano dei progetti interattivi abbiamo realizzate diverse case history dedicate al settore del Fashion. Un mondo che ormai sta iniziando ad apprezzare l’utilizzo dell’interattività e delle nuove tecnologie per coinvolgere i consumatori. Penso che il connubio tra moda e tecnologia stia diventando ogni giorno sempre più stretto grazie alla tendenza di entrambe di evolversi continuamente per soddisfare i desideri delle persone, i quali sono alla costante ricerca di tutto ciò che è nuovo ed originale”.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *