di


Moda, sul web Amazon vende più dei maxi store

Negli Usa il gigante dell’e-commerce ha toccato quota 16,3 miliardi di dollari: i concorrenti come Walmart e Macy’s hanno fatturati più alti nei negozi, ma online sono in coda

amazon_moda
La home page italiana di Amazon Moda

Online, non ha rivali: da quando ha accresciuto la sezione moda, aumentando dell’87% i prodotti di abbigliamento nel solo 2015, Amazon è già il più grande rivenditore sul web. Sebbene i fatturati globali di grandi store americani come Walmart e Nordstrom continuano a essere in assoluto più elevati, nell’e-commerce non riescono a competere. Su Bloomberg una lunga analisi dei dati relativi alle vendite del settore abbigliamento: al suo lancio nel comparto, Amazon ha fatto storcere il naso a molti marchi, spaventati dalla possibile concorrenza e dalla possibilità di una maggiore diffusione di merci contraffatte. A questo il colosso dell’e-commerce ha risposto, tra le altre cose, con una collezione a proprio marchio e si è concentrata sui capi basic.

Secondo Internet Retailer, le vendite di abbigliamento su Amazon hanno raggiunto i 16,3 miliardi di dollari: più di quanto abbiano venduto, online, i cinque maggiori concorrenti fisici: Macy’s, Nordstrom, Kohl’s, Gap e L Brands. Il più grande rivenditore statunitense, Walmart, è ancora in pole position con 24 miliardi di dollari di merce venduta ma Amazon non è affatto lontana da Macy’s (21 miliardi) e TJX Cos (17 miliardi). E ha già superato nel 2015 Gap, Kohl, Target, J.C. Penney e Nordstrom.

amazon_moda_accessori_confronto
Sul web, secondo Internet Retailer, Amazon è in cima per le vendite di abbigliamento

Amazon e i suoi analisti hanno anche trovato un modo intelligente per colpire i margini di profitto dei grandi magazzini: prendere un prodotto popolare – per esempio, una borsa o una giacca –  disponibile solo in quantità limitata (cinque o dieci pezzi, per esempio) da venditori Amazon, metterlo in vendita a un prezzo notevolmente scontato. I siti web che segnalano il miglior prezzo fanno automaticamente il nome di Amazon. Il meccanismo sembra essere vincente, spiegano su Bloomberg, se è vero che le vendite nei sei più grandi store americani sono diminuite, nel secondo trimestre, di 660 milioni rispetto all’anno precedente e molte delle vendite perse sono state accalappiate da Amazon. Che, secondo l’analista di Morgan Stanley, ha visto crescere le proprie vendite di abbigliamento di 1,1 miliardi di dollari.

Un quinto dei consumatori degli Stati Uniti oggi compra “spesso” vestiti su Amazon, secondo un sondaggio di Morgan Stanley realizzato nel mese di aprile. Cifra che sale al 35 per cento per i membri di Amazon Prime. La logistica è vincente: gli acquisti sono “facili, convenienti” e la spedizione è rapida.

amazon_moda_accessori_previsioni
Le previsioni di crescita di Amazon per i prossimi anni, secondo dati di Euromonitor, Forrester e Morgan Stanley Research

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Orizzontale AMERICA