di


Moda, New York ipotizza sfilate con prodotti in vendita subito

Il Council of Fashion Designers of America ha commissionato a Boston Consulting Group un’indagine sul nuovo ruolo delle Fashion Week

New York Fashion Week

Qual è il ruolo delle sfilate oggi? Se l’è chiesto il Council of Fashion Designers of America, organo di rappresentanza della moda negli Stati Uniti, che s’interroga sulla possibilità di mettere in vendita i capi protagonisti delle passerelle immediatamente dopo le sfilate, e non più sei mesi dopo come avviene oggi. L’organismo ha chiesto alla Boston Consulting Group di portare avanti uno studio per formulare proposte concrete già dal prossimo mese di febbraio.

Secondo la Camera della moda statunitense, la confusione generata dall’assenza immediata dei capi nei negozi fa male agli affari. Lo studio commissionato alla società di consulenza cercherà di guardare in profondità alla sfilata di moda, con l’obiettivo di fissare un nuovo concept di ciò che molti esperti del settore considerano un sistema dannoso. “Abbiamo alcune idee, pensiamo che le sfilate debbano essere maggiormente vicine alle esigenze dei clienti” ha detto a wwd.com Diane von Furstenberg, presidente del Council, ipotizzando presentazioni semestrali ridotte e riservate destinate agli addetti ai lavori e sfilate per presentare i prodotti della stagione corrente.

Diversi i designer che già hanno cercato di ovviare alla scollatura temporale tra show e vendita come dimostra il rigoroso embargo sulle proposte di Tom Ford, o Jeremy Scott che ha reso immediatamente disponibili i look di Moschino nei negozi del brand italiano dopo lo show, o ancora Rebecca Minkoff, che ha annunciato che il suo show alla New York Fashion Week Donna di febbraio vedrà sfilare abiti primaverili disponibili per l’acquisto.

“Designers, rivenditori ed editori hanno messo in discussione la rilevanza della settimana della moda nella sua forma attuale per molto tempo – ha detto Steven Kolb, CEO del CFDA -. Da questa esigenza dell’industria deriva la nostra decisione di incaricare Boston Consulting Group per creare un’analisi approfondita e una tabella di marcia per il futuro delle sfilate di moda”. Per il momento, comunque, il calendario resta invariato: la prossima New York Fashion Week si svolgerà dall’11 al 18 febbraio, con le collezioni autunno-inverno 2016/2017.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *