di


Moda e accessori, White Milano crea il Tortona Fashion District

Il salone in continua crescita + 11% con oltre 160 brand provenienti dall’estero: dal 22 al 24 febbraio oltre 450 marchi presentano le collezioni autunno-inverno 2014/2015

La conferenza stampa di presentazione. Da sinistra: Stefano Guerrini, Massimiliano Bizzi, l'Assessore comunale Alla moda Cristina Tajani, Andrea Provvidenza, designer marchio LodenTal, Francesco Alagna, designer di "Comeforbreakfast". Foto Courtesy Whiteshow

Dopo il successo dell’edizione di Gennaio, White riapre le sue porte nei giorni dal 22 al 24 febbraio per presentare le collezioni Autunno-inverno 2014/2015 durante la fashion week milanese dedicata alla donna. I brand di abbigliamento e accessori, in tutto 463 (11% in più rispetto all’edizione di febbraio 2013) esporranno le loro novità nelle tre location di Via Tortona 27-35-54: ieri la presentazione ufficiale dell’edizione al via tra pochi giorni.

Stagione dopo stagione il salone patrocinato dal Comune di Milano, visitato per l’edizione donna da circa 17.000 operatori del settore moda, si afferma grazie a qualità, sperimentazione e modernità anche grazie a una forte presenza sul web e sui social network gestita da professionisti della comunicazione. L’attenzione al 2.0 del salone è confermata anche dal coinvolgimento di brand web-oriented che sanno interpretare al meglio le tendenze del momento e che diffondono in maniera virale la loro creatività: uno tra tutti, K.T.Z. Kokon to Zai con i suoi 139mila follower su Instagram avrà un’area speciale nella sezione basement.

L’edizione di febbraio di White vede inoltre l’inaugurazione del nuovo progetto “Tortona Fashion District” ideato da Mseventy, azienda titolare del marchio White. L’obiettivo è quello di valorizzare il distretto fashion di Via Tortona nella città di Milano, prestigiosa vetrina della creatività e luogo dove nascono le nuove tendenze. L’intenzione, nel tempo, è quella di contrassegnare con questo marchio, altre location che ospiteranno eventi legati al mondo fashion.

“Stagione dopo stagione White, grazie anche alla rinnovata collaborazione con il Comune, si contraddistingue per la qualità, la sperimentazione e l’attenzione alle tendenze, le visioni delle sue collezioni e la ricerca di nuovi linguaggi espressivi – ha detto durante la conferenza di presentazione l’assessore alla Moda e Design Cristina Tajani -. Una ricerca che trova la sua giusta collocazione nello spazio ex-Ansaldo, una cornice in perfetta sintonia con il carattere sperimentale di questo che è uno degli eventi più innovativi della settimana della Moda. Un luogo di confronto per gli oltre 460 giovani talenti e brand provenienti da tutto il mondo: dalla Cina all’Inghilterra, dal Giappone agli Stati Uniti”.

“La crescita importante del salone a livello qualitativo e quantitativo ci riempie di soddisfazione e di energia – ha dichiarato Massimiliano Bizzi, fondatore di Whitespronandoci a creare nuovi progetti quale il ‘Tortona Fashion District’, con l’obiettivo di comunicare al meglio una zona nota a livello internazionale in una città importantissima per il mondo del fashion come Milano”.

Nasce quest’anno la nuova sezione T35, nella location di ViaTortona 35, area dedicata alle aziende emergenti, nuove realtà con prodotti che mixano alta qualità e tradizione. Tra i brand scelti per T35, l’originale marchio di bijoux contemporanei Salomè Charly le cui creazioni sono sculture in legno dal design di estrema ricerca. Ritorna a White nella sezione Suite della location di Via Tortona 35 Lodental a cui è dedicata una special area, brand italiano di grandissima tendenza già presente all’edizione White di gennaio. Otto in tutto le aree speciali di Via Tortona 27, oltre a una selezione di marchi contemporary di grande ricerca, tra cui Bjorg con la sua linea di gioielli e occhiali ispirati al primo modernismo ed ai movimenti artistici avant-garde; Coliac con i suoi accessori che prendono spunto dall’arte utilizzando morbide nappe unite a elementi metallici.

Nella sezione Basement in Via Tortona 27, l’area più underground e avant-garde del salone, esporranno brand tra i quali Barbara Alan dall’estetica modernista che coniuga sartorialità e moderne tecniche di produzione, Ibrigu brand di foulard vintage, Lucio Vanotti con il suo total look femminile caratterizzato da forme geometriche assolute e “Comeforbreakfast”, brand total-look contemporaneo made-in-Italy creato dai designer Antonio Romano e Francesco Alagna. Torna in Via Tortona 27 a White la selezione di marchi A.I. Showroom curata da Clara Tosi Pamphili in collaborazione con Altaroma con dieci brand partecipanti e la sezione dedicata a occhiali fashion e di ricerca [email protected]

La location di Via Tortona 54 vede la partecipazione di brand streetwear (e di marchi storici come Borsalino), i giovani talenti dell’area Inside e ospita la sezione Beauty dedicata alla profumeria artistica di ricerca con le sue tredici proposte. Per chi è caccia di nuove tendenze, la consueta sezione Inside WHITE dedicata alle nuove aziende emergenti dall’animo streatwear, nuove promesse del fashion system, tra i quali Amorphose brand di borse e gioielli con zip, tratto distintivo della maison luganese, firmati da Giancarlo Bello.

Anche per l’edizione di febbraio torna l’Inside White Award, premio al migliore designer della sezione che verrà incoronato da un opinion leader del settore moda. Il vincitore avrà diritto ad una partecipazione gratuita all’edizione di settembre 2014.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *