di


MIrabilia Coralli: dal 1996, “le vie del corallo” abitano Palazzo Vallelonga a Torre del Greco

Scrigno - Trapani, Museo Regionale A. Pepoli

Dal 1996 “Le vie del Corallo” è un appuntamento atteso che trova la sua naturale sede a Torre del Greco, a Palazzo Vallelonga che dal 1982 dopo un accurato restauro è diventato sede della Banca di Credito Popolare.

Già custode di importanti e pregevoli dipinti dal XVII al XIX secolo, il palazzo dopo le precedenti edizioni, quest’anno (la mostra si è conclusa il 1 febbraio) ha ospitato le produzioni ebraiche e trapanesi del XVII secolo. Oltre 60 opere, tra arredi sacri, gioielli e oggetti di uso quotidiano, provenienti da collezioni pubbliche e private, realizzate nella stagione barocca che vide luce proprio a Torre del Greco e nei territori limitrofi. Infatti, gli ebrei insediatisi in Sicilia sin dall’XI secolo (che divennero in breve tempo maestri nella lavorazione del prezioso materiale), che furono scacciati dall’isola nel 1492 dai sovrani aragonesi, trovarono asilo proprio nel territorio torrese. Il valore apotropaico del prezioso materiale, fu esaltato in età barocca che non a caso ne ampliò la lavorazione per forgiare manufatti ricchi ed elaborati, sia di carattere sacro sia di carattere profano.

Capezzale, Museo Regionale A. Pepoli

La mostra, realizzata con il patrocinio della Regione Campania e del Comune di Torre del Greco, sempre attento alla valorizzazione della produzione dell’oro rosso dell’intera area vesuviana, è stata realizzata anche grazie alla collaborazione ed ai prestiti di importanti fondazioni ed istituzioni museali campane e siciliane.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *