di


Ministero dello Sviluppo economico e responsabilità sociale, un questionario per le imprese orafe

Al via la prima fase operativa che rientra nelle strategie della partnership siglata poche settimane fa con RJC e Federorafi

Rientra nel piano di sviluppo di pratiche di responsabilità sociale delle imprese orafe, condiviso recentemente con il Responsible Jewellery Council (RJC) e Confindustria Federorafi, il questionario pubblicato dal Ministero dello Sviluppo Economico – Direzione Generale per la Politica Industriale e la Competitività, nell’ambito della promozione di programmi di RSI nel settore. Al centro del dibattito la tematica della sostenibilità lungo tutta la filiera dei metalli preziosi e dei gioielli, sentita come urgente e rilevante da istituzioni e organizzazioni della società civile, sia a livello internazionale, sia nazionale, in relazione soprattutto agli aspetti legati alla gestione dei rischi etici e ambientali all’interno della filiera, come ad esempio la mancata tutela dei diritti umani e del lavoro nei processi di approvvigionamento delle materie prime, o l’impatto ambientale derivante dalle lavorazioni dei materiali preziosi.

I programmi avviati a livello internazionale come lo standard sviluppato dal Responsabile Jewellery Council e le raccomandazioni sostenute dall’OCSE (le cui linee guida sono in Italia promosse e divulgate dal Ministero dello Sviluppo economico tramite un ufficio dedicato) in merito alla gestione responsabile degli acquisti di metalli dalle aree di conflitto o ad alto rischio hanno l’obiettivo di promuovere forme di sviluppo sostenibile, specialmente in quei Paesi in via di Sviluppo da cui vengono estratte le materie prime dei prodotti orafi e incentivare la competitività del settore, attraverso la creazione di nuovi relazioni di fiducia tra imprese e cittadini-consumatori, sempre più sensibili rispetto all’impatto etico di ciò che acquistano.

Primo passo, che segue di poche settimane la firma di un protocollo di intesa in tal senso tra Ministero dello Sviluppo economico, Confindustria Federorafi e Responsible Jewellery Council (RJC), è proprio la realizzazione del questionario disponibile sul sito di BilanciaRSI, Centro Studi per la sostenibilità e la responsabilità sociale d’impresa in Italia e in Europa. La ricerca che sarà possibile condurre grazie alle risposte del questionario (che includono domande sul mercato di riferimento, i brand, fatturati etc.), sarà accompagnata da ulteriori attività che hanno lo scopo di sensibilizzare e incentivare le imprese italiane del settore a conoscere ed adottare prassi di gestione responsabile mediante l’utilizzo di strumenti e standard ispirati ai principi della sostenibilità, come seminari informativi e di sensibilizzazione destinati alle aziende dei principali distretti orafi italiani e agli istituti formativi del settore e nello sviluppo di un set di indicatori per la comunicazione e gestione degli impatti etici e ambientali delle organizzazioni orafe.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *