di


Metalli preziosi, fallita la vicentina Vimet

Il tribunale di Vicenza ha emesso la sentenza dopo la richiesta, a luglio, di concordato con riserva: il prossimo 13 luglio l’udienza per l’esame dello stato passivo

vimet_vicenza_fallimento-compressor

È stata emessa il 3 marzo dal tribunale di Vicenza la sentenza di fallimento per la Vimet Spa, l’azienda di Vicenza fondata nel 1970 e specializzata nella lavorazione e commercializzazione dei metalli preziosi. La scorsa estate l’amministratore della società aveva presentato domanda di concordato con riserva, con un passivo concordatario di oltre 163 milioni di euro. Il Tribunale aveva all’epoca concesso il termine di 120 giorni per la presentazione del piano e della proposta di concordato, in virtù di una istanza di fallimento pendente.

Secondo quanto riferito dalla stampa locale, sulla crisi di Vimet avrebbe pesato anche il crac delle due ex popolari venete Veneto Banca e Banca Popolare di Vicenza, in cui la società aveva investito. Nella sentenza della sezione fallimentare del tribunale è stata fissata anche l’udienza per l’esame dello stato passivo al prossimo 13 luglio. Adesso è previsto che il Curatore proceda all’inventario ed entro i sessanta giorni successivi il programma di liquidazione.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *