di


Metalli preziosi, aggiornati gli standard RJC

Il Responsible Jewellery Council lancia la Chain of Custody 2017 per oro e platino: modifiche ai criteri di ammissibilità e riconoscimento dello standard Fairtrade

Oro_Responsible Jewellery Council-min

Criteri di ammissibilità più severi e riconoscimento ufficiale dello standard Fairtrade: sono alcune delle modifiche apportate alla Chain of Custody del Responsible Jewellery Council che ha lanciato ieri l’edizione aggiornata 2017. L’adeguamento del documento fa seguito a una revisione avviata nell’agosto 2016, che ha coinvolto tre cicli di consultazioni pubbliche, contributi di oltre 150 soggetti industriali e non industriali e contributi tramite webinar, workshop e riunioni.

Lo standard CoC è stato lanciato nel 2012 come standard volontario per la creazione di una catena di custodia per metalli preziosi prodotti, elaborati e scambiati responsabilmente attraverso le catene di fornitura di gioielli e assicurati da terzi in ogni fase. La versione 2017 continua a muoversi in questa stessa direzione, includendo anche chiarimenti e miglioramenti in merito alla due diligence, all’ammissibilità dei materiali CoC e all’armonizzazione con altri standard.

Sono stati sviluppati requisiti di due diligence riveduti e il documento di orientamento CdC presenta ora nuove sezioni sostanziali. Questi cambiamenti portano il CoC ad allinearsi con le linee guida dell’OCSE sulla Due Diligence per le catene di approvvigionamento responsabile di minerali dalle aree di conflitto e ad alto rischio per i metalli del gruppo dell’oro e del platino. Sono stati apportati importanti chiarimenti ai criteri di ammissibilità dei materiali CoC.

Il RJC continua a dare la priorità agli sforzi per ridurre la duplicazione delle verifiche e lo standard include ora un processo per l’acquisizione di materiale proveniente da standard e schemi minerari di terze parti riconosciute. Ciò include attualmente il programma “Towards Sustainable Mining” (TSM) della Mining Association of Canada (MAC) e il framework di sviluppo sostenibile del Consiglio internazionale per i minerali e i metalli (ICMM). La promozione dell’approvvigionamento da miniere  responsabili artigianali e su piccola scala (ASM) rimane un segno distintivo del CoC e il riconoscimento del Fairmined Gold Standard è completato dal riconoscimento dello standard Fairtrade per l’oro proveniente dalle miniere artigianali e di piccola scala.

“Dopo un approfondito processo di ricerca e consultazione – ha detto Anne-Marie Fleury, Director of Standards and Impacts di RJC -, siamo immensamente lieti di presentare il nuovo standard CoC 2017. Con questo aggiornamento, stiamo ulteriormente accelerando la crescita e la reputazione di RJC mentre navighiamo verso i cambiamenti e le sfide che si presentano alle catene di fornitura del metallo dell’oro e del platino. Siamo profondamente grati al nostro Comitato per gli standard per il tempo, la competenza e la guida profusi nella revisione dello standard”.

La certificazione secondo il nuovo standard inizierà dal primo aprile 2018. I membri RJC che avranno ottenuto la ricertificazione del CoC nel 2018 avranno la possibilità di ottenere la ricertificazione rispetto al CoC 2012 o al CoC 2017. In seguito, la ricertificazione del CoC avverrà soltanto secondo gli standard 2017, circostanza valida anche per i membri che si uniranno al RJC dal primo aprile 2018.

www.responsiblejewellery.com


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *