di


Mediobanca, la moda cresce ancora a doppia cifra. E’ di Prada la best performance 2012

Tra i nove gruppi considerati dall’aggregato ottimi i risultati extraeuropei di Ferragamo. Canale retail, comunicazione e nuovi prodotti i principali fattori di crescita

Duecentodieci milardi di euro nel 2012, +10% rispetto all’anno precedente: è il giro d’affari del mercato della moda secondo l’aggregato redatto periodicamente da R&S Mediobanca, che ha analizzato i dati di nove dei maggiori gruppi italiani della moda (Ferragamo, Prada, D&G, Tod’s Della Valle, Ermenegildo Zegna, Giorgio Armani, Max Mara, Miroglio e OTB di Renzo Rosso). Una crescita a doppia cifra costante ormai da anni (+11% nel 2011 e +13% nel 2010), che vede Prada in testa come “best performer” e la categoria gioielli particolarmente dinamica con il +20%.

Dando uno sguardo ai dati dell’aggregato Top Moda Italia di Mediobanca, i maggiori incrementi di fatturato (superiori al 10%) sono stati realizzati da Prada (+29%), seguita da Salvatore Ferragamo (+16,9%), Giorgio Armani (+15,9%) e Zegna (+11,9%). Dato negativo per Miroglio (-15,2%) e stabile per Dolce&Gabbana con un lieve calo delle vendite del 2012 (-1,6%).

Anche per gli anni a venire si respira un’aria di ottimismo: si prevede che la crescita si attesti su tassi medi annui complessivi attorno al 7%.  I riflettori sono ancora una volta puntati sull’Asia, sull’area russa e sul Sud America dove è sempre più diffuso un ‘consumo aspirazionale’, cioè legato a uno status e a un tenore di vita in rialzo.

Tre i principali driver che hanno guidato le case di moda anche nel 2012: una comunicazione efficace volta a potenziare la brand awareness e le tradizioni delle maison, l’arricchimento dei prodotti e il rinnovo della rete retail al quale si affianca l’on line e le vendite legate ai flussi turistici.

Interessante la performance extraeuropea di Ferragamo (nella foto apertura, l’ultima linea del brand), la più alta dei nove gruppi considerati: per il marchio il 74,7% della produzione si colloca sui mercati fuori dal Vecchio Continente, seguito a ruota da Zegna e Prada.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *