di


Marcianise, presentazione ufficiale per IGI Italy

Nel corso del Meeting Gemmologico che si è svolto nel centro orafo Oromare svelato il soggetto che rappresenterà l’IGI in Italia nel campo della formazione

IGI_Italy_presentazione-compressor
La presentazione di IGI Italy a Oromare

Presentazione ufficiale per l’International Gemological Institute Italy al centro orafo Oromare di Marcianise: durante il meeting gemmologico IGI 2017 è stato illustrato il soggetto che rappresenterà l’istituto in Italia nel campo della formazione. Un settore in espansione, quello della formazione gemmologica, come ha spiegato il presidente della neonata sigla Paolo Minieri, che ha fatto riferimento a oltre 350 studenti che nel 2016, in tutta Italia, hanno conseguito almeno un certificato o diploma in gemmologia.

Durante l’appuntamento organizzato ad Oromare – al quale ha partecipato Deborah Pienica, Chief Operating Officer dell’istituto di Anversa -, Minieri ha spiegato che i giovani che approcciano l’IGI al di fuori dell’area del business delle gemme e della gioielleria rappresentano il 20% circa delle unità formate. “Molte di queste new entries costituiscono un necessario apporto di ripopolamento del settore attraverso energie, storie e background diversi – ha evidenziato – Il tasso di inserimento è molto alto, poiché i titoli dell’IGI sono riconosciuti in tutto il mondo e le competenze acquisite in Campania sono le stesse che si acquisiscono ad Anversa, a Dubai o a New York”.

Da Anversa a Marcianise, dunque: oltre alla sede IGI in Campania, i corsi vengono svolti anche dai distretti territoriali di Ascoli Piceno, Cavalese (TN), Roma e Trecastagni (CT). Nel corso del convegno di Marcianise, organizzato da Gemtech, i nuovi gemmologi hanno avuto modo di confrontarsi e discutere su un tema particolarmente sensibile per la categoria, ossia quello dei diamanti sintetici“I diamanti sintetici sono il tema più caldo della gemmologia, poiché l’afflusso di materiale commercializzato in modo ingannevole è decisamente un pericolo per gli operatori tradizionali, non solo in Italia” ha detto  Francesco Sequino, docente IGI e capo laboratorio Gemtech.

Il convegno è stata anche l’occasione per avviare il tesseramento al nuovo soggetto culturale, l’Associazione IGI Alumni, che intende facilitare le relazioni professionali tra tutti i cultori e gli appassionati delle gemme e della loro conoscenza, indipendentemente dal background di studi e dal livello di competenze maturate.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *