di


Marcello Pane, quel senso di appartenenza al Made in Italy

Un brand che con coerenza e costanza ha già superato i 151 anni di attività

Il suo nome, Marcello Pane, è una forza tra i marchi della gioielleria italiana, di quelli di maggiore tendenza e qualità. Si avvale di numerosi collaboratori ma l’aria che si respira è familiare e con la clientela il rapporto va oltre la sola fiducia – tra le memorie del brand, una fattura datata 1946 testimonia la dedizione di uno dei clienti storici attivi ancora oggi. Ha superato i 150 anni di attività, esattamente 151, un arco di tempo di tutto rispetto per una realtà imprenditoriale per la quale sette generazioni hanno assorbito e tramandato il patrimonio esperienziale dei padri e il senso di dimensione umana, passe-partout che apre le porte del futuro.

Poi qualcosa è cambiato, un coatto lockdown ha interrotto tutto ma l’azienda non si è mai fermata, se non nei giorni di maggiore sensibilità. Certo, le cicatrici bruciano ancora, ma non hanno intaccato la fiducia dei propri clienti, le richieste sono sempre lusinghiere ed online arrivano oltre quelle previste. I numeri, per tutti, non sono più quelli del boom economico ma continuano ad essere di grande soddisfazione, forse il segreto è nel rispetto incondizionato della storia e della valenza del made in Italy, metafora di trasparenza e di bellezza.

Marcello Pane

Marcello, sei alla guida di questo colosso, come ti rapporti con i tempi attuali? Siamo nati come produttori di gioielleria medio alta ma le condizioni del mercato odierno non consentono più grossi investimenti. Nessuno rischia più sul pronto. Si preferisce lavorare su richiesta e la domanda è alta.

Anche le proposte sono diversificate? Cambiano i gusti e le tendenze, ecco perché abbiamo dirottato circa il 90% della produzione sull’argento con creazioni di vero design, anche personalizzabili, fatte con la stessa cura dell’alta gioielleria.

E la gioielleria classica? Resta un must have. I modelli rispecchiano gli originali tranne che per piccole innovazioni che comunque non ne alterano la bellezza nel tempo. Quella resterà sempre, è intramontabile, ma si lavora on demand, anche su specifiche caratteristiche dell’acquirente.

La vostra sede è al Tarì, ma esportate in quasi tutto il mondo, quali sono mercati di riferimento? Per il ricco assortimento, la storicità e la strutturata rete distributiva di grande capillarità ad oggi siamo presenti in tutta l’Europa, Giappone, Corea, Cina, Australia, in alcune zone degli Emirati Arabi e da poco in Argentina e Sud Africa. Anche in diverse catene di Retail Store come il Corte Ingles.

Cosa hai in progetto? I progetti sono tanti, tra cui l’aumento della rete distributiva ed, ovviamente, registrare i fatturati pre-lockdown. La fiducia dei clienti ci dà forza e siamo certi che molto presto si tornerà alla normalità.

marcellopane.eu

Marcello Pane, that sense of belonging to Made in Italy

A brand that consistently has already exceeded 151 years of activity

Marcello Pane is among the brands of Italian jewellery. It has exceeded the 150 years of activity through seven generations. Then a forced lockdown has interrupted everything but the company never stopped. Requests are always flattering and are more than what is expected online. The numbers, for all, are no longer those of the economic boom but continue to be of great satisfaction, perhaps the secret is in the unconditional respect for the history and value of Made in Italy.

Marcello, you are driving this giant, how do you deal with the current times? We were born as medium-high jewellery manufacturers but now we prefer to work on demand and the demand is high.

Are the proposals also diversified? Tastes and trends change, now about 90% of the production is in silver, also customisable, designed to satisfy desires and pockets, with prices at around 250 Euro.

What about classic jewellery? It continues to be a must have. Timeless, but it works on demand, also based on specific characteristics of the buyer.

Your office is in Tarì, but you export to almost all over the world, which are the reference markets? For the assortment, the historicity and the structured distribution network, today we are present throughout Europe, Japan, Korea, China, Australia, in some areas of the Arab Emirates and recently in Argentina and South Africa. Also, in various retail store chains such as the Corte Ingles.

What is up your sleeve? There are many projects, including an increase in the distribution network and, of course, getting back to pre-lockdown turnover. The customer trust gives us strength and we are sure we will be back to normal very soon.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *