di


Mantova, in mostra i gioielli di Maria Callas


Trova tutti d’accordo il titolo della mostra dedicata a Maria Callas al Palazzo Te di Mantova: “Una donna, una voce, un Mito”. Un percorso nella vita dell’artista, un vero Mito del XX secolo, attraverso i costumi e i carteggi personali, ma soprattutto attraverso i gioielli: quelli privati, ma anche quelli indossati sui palcoscenici più famosi.

Oltre un centinaio di pezzi sono in mostra a Mantova fino al 5 giugno, con contributi sonori e visivi – registrazioni audio originali, spezzoni di filmati e fotografie d’archivio che la vedono ritratta in occasioni ufficiali e in momenti privati – che concorrono a ricomporre un ritratto a tutto tondo della Divina, protagonista indiscussa della lirica del XX secolo e diva del cinema, icona femminile e donna alle prese con le difficoltà del quotidiano.

Alla Callas viene riconosciuto il merito di aver rinnovato l’atmosfera greve e accademica dell’opera italiana, diventando ben presto una delle più famose cantanti liriche con un repertorio che spaziava dalle tragedie di Wagner fino alle arie di Verdi e Puccini.

Il corpus principale dei cimeli proviene dalla collezione di Bruno Tosi, curatore della mostra e presidente dell’Associazione Culturale Maria Callas di Venezia, ed è arricchito da alcuni sontuosi costumi di scena in prestito dal Teatro dell’Opera di Roma. Di grande bellezza, elegantemente esposta a Palazzo Te, una collezione di oltre sessanta gioielli, sia di scena sia personali. Tra i bijoux spiccano il diadema con perle e pietre verdi per il Trovatore, la collana e il diadema Caramba di metallo dorato con placchette e pietre colorate per Aida, oltre alla collana Kramer con pietre incolore a cinque fermagli per Traviata eseguita su disegno di Christian Dior. Tra i preziosi personali, invece si distinguono la collana con maglia a cerchi, la spilla floreale di metallo dorato in foglia con pietre turchesi eseguita su disegno di Dior “made in Germany 1963”, e ancora la collana berbera in argento e corniole, regalo di Pier Paolo Pasolini.

Patrocinata dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri e dalla Regione Lombardia, la mostra è promossa da Comune di Mantova, Museo Civico di Palazzo Te e Associazione Culturale Maria Callas di Venezia. È organizzata dal Centro Internazionale d’Arte e di Cultura di Palazzo Te con la partecipazione di MediaNet, My Sound, Radio Bruno, Gruppo SAI Fondiaria e gioielleria Tosoni.





Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *