di


Maestro d’Arte e Mestiere, tra i premiati Enzo Liverino e Diego Percossi Papi

Anche Diego Percossi Papi e Maria Vittoria Albani Scala tra i 75 protagonisti dell’artigianato artistico insigniti del riconoscimento dalla Fondazione Cologni

Mam© Laila Pozzo
Una delle immagini di botteghe artigiane ©Laila Pozzo

Settantacinque grandi protagonisti dell’artigianato artistico sono stati insigniti dalla Fondazione Cologni dei Mestieri d’Arte, in collaborazione con ALMA: si è svolta a Milano la cerimonia di assegnazione del riconoscimentoMAM – Maestro d’Arte e Mestiere“, un inedito riconoscimento dedicato ai Maestri d’Arte italiani riconosciuti come eccellenti, attivi nelle diverse categorie dell’artigianato artistico: dalla ceramica alla gioielleria al legno e arredo, dai metalli alla meccanica al mosaico, dalla pelletteria alla stampa d’arte al restauro, dai mestieri del teatro al tessile, fino all’enogastronomia.

Il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, ha insignito il riconoscimento con una speciale targa, che valorizza ulteriormente il talento dei più grandi artigiani. I 75 Maestri hanno ricevuto quale riconoscimento tangibile un oggetto d’arte appositamente realizzato su disegno originale dalla Scuola dell’Arte della Medaglia dell’Istituto Poligrafico e Zecca dello Stato.

Mam_Liverino
Enzo Liverino, tra i primi 75 Maestri D’Arte e Mestieri d’Italia

Tra i premiati per la sezione Gioielleria e Oreficeria, il maestro orafo torrese Enzo Liverino: erede di una tradizione familiare (la bottega fu fondata nel 1894), e interprete di una modernizzazione intelligente nella creazione di gioielli in corallo, ha saputo mantenere viva una tradizione preziosa e altrove introvabile. Da un lato gioielli dal design contemporaneo, dall’altro sculture di magnifica suggestione, come i grandi presepi scolpiti in corallo.

Unico italiano al primo congresso mondiale sul corallo (Kochi, 1993), Enzo Liverino ha trascorso 10 anni tra Napoli e Taiwan, dove ha affinato i criteri di selezione per la materia prima. Presidente della Commissione corallo in Cibjo, è consulente della Fao per le statistiche sul corallo pescato nel mondo. 

È socio del Club degli orafi Italia, consigliere di Federpietre, responsabile della commissione perle, corallo e cammei dell’Ica e dell’Istituto gemmologico italiano quale referente per corallo e cammei.

Mam_Percossi papi
Diego Percossi papi

Altro riconoscimento nella stessa categoria a Diego Percossi Papi, romano, che ha intrapreso da autodidatta l’attività di artista-scultore-orafo: dal 1968 nel piccolo atelier vicino al Pantheon presenta le sue creazioni dallo stile ben determinato e riconoscibile, utilizzando materiali antichi e tecniche di smalto cloisonné, che oggi sono diventati la caratteristica del laboratorio di famiglia. L’atelier è noto per i suoi gioielli e le creazioni ad personam, la cui produzione limitata ne accresce il fascino, oltre che per gli oggetti d’arte sia sacra sia profana.

Il  lavoro di Percossi Papi è un personale percorso di rivisitazione storica basato sempre su tre valenze primarie: l’emozione suscitata dai cromatismi, il simbolo suggerito dalla memoria e dalle radici storiche, l’estemporaneità della creazione. Ha realizzato anche gioielli per film di Wertmüller, Taviani, Monicelli, Olmi e per attrici come Sophia Loren, Jacqueline Bisset, Isabelle Huppert, Cate Blanchett.

mam_small_Maria Vittoria Albani Scala
Maria Vittoria Albani Scala

Nella categoria “Bigiotteria” il titolo di MAM – Maestro d’Arte e Mestiere è andato a Maria Vittoria Albani Scala, dal 1944 creatrice dei gioielli di Ornella Bijoux, azienda artigiana fondata a Milano dalla madre Piera Albani e da subito protagonista importante della realtà creativa e produttiva italiana della seconda metà del ’900. Già nel 1950 diventa disegnatrice ufficiale di modelli, utilizzando fusioni di metallo e strass, contraddistinguendo la produzione con una libertà compositiva che rivela la sua creatività solare e di nitida eleganza.

Ancora oggi, nel suo atelier Maria Vittoria Albani Scala crea i propri bijoux, tutti pezzi unici realizzati a mano, attingendo da un archivio di circa 40mila modelli, con una creatività viva e sorprendente, sperimentando nuove soluzioni con un gusto e uno spirito di ricerca inesauribili, che da oltre 60 anni le hanno permesso di seguire e anticipare le tendenze della moda. Ha disegnato collezioni per Biki, Céline, Swarovski, Dolce & Gabbana, Borbonese.

Questa prima edizione del Premio (avrà cadenza biennale, con seconda edizione prevista per il 2018) ha visto la nascita di un simbolico Libro d’Oro dell’Eccellenza Artigiana Italiana, che ha accolto i primi 75 MAM, Maestri d’Arte e Mestiere affermati che si sono distinti per particolari meriti professionali e per l’attività svolta in favore della trasmissione del sapere.

I promotori hanno voluto dar vita a specifici organi di valutazione: in particolare, è stata istituita una Commissione degli Esperti, che ha svolto il più delicato lavoro di individuazione delle candidature: oltre 40 esperti di notoria perizia, competenti nell’ambito delle diverse categorie artigianali, composta da storici, docenti e curatori dell’arte e delle arti applicate, direttori di musei e istituzioni culturali, protagonisti del mondo dell’alto artigianato con incarichi istituzionali, conoscitori e collezionisti di comprovato valore, giornalisti specializzati.

La selezione finale allargata è stata poi sottoposta al vaglio e al giudizio finale di una Commissione Generale, composta da autorevoli nomi del mondo della cultura, dell’arte, della comunicazione, che si sono espressi sulla base dell’articolato dossier di presentazione messo a punto dalla Fondazione Cologni.

www.maestrodartemestiere.it

mam_liverino_La Babele in palude
Enzo Liverino, La Babele in palude
Mam_Diego Percossi Papi_Orecchini galeoni piccoli
Diego Percossi Papi, Orecchini Galeoni piccoli
Mam_Albani Scala
Un bijou di Maria Vittoria Albani Scala

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *