di


Macef, buona la tenuta del mercato interno ma anche di Russia, Cina, Giappone e Brasile

In calo i visitatori dai paesi europei. Successo per i 525 espositori dell’area Bijoux e per il premio The Best of Bijoux

Si respira aria di ripresa stando ai dati della 93esima edizione del Salone internazionale della Casa di Milano. Al Macef, che ha chiuso i battenti domenica scorsa, gli strumenti messi in campo dall’organizzazione come i workshop per gli operatori e le ultime frontiere della comunicazione multimediale hanno prodotto risultati significativi. Durante i quattro giorni del Salone, sono stati 81mila i visitatori professionali che hanno varcato la soglia del centro espositivo di Rho. Il calo, rispetto allo scorso anno, è molto contenuto (solo il -3 per cento) e si confermano stabili gli operatori provenienti dal mercato interno. Tra i Paesi stranieri con il maggior tasso di crescita si segnalano Russia +21%, Cina +51%, Giappone +33% e Brasile +16%; un rallentamento invece è stato registrato dai Paesi europei che storicamente occupano le prime posizioni in termini di visitatori con Spagna -24%, Francia -5% e Grecia -23%.

Molto affollata l’area dedicata al Bijoux, che negli anni ha assunto una veste sempre più autonoma, con 525 espositori e un buon successo di pubblico: quattro i padiglioni dedicati alla Persona, dalla bigiotteria fantasia all’argento classico, dagli accessori moda alla gioielleria di design, dai componenti, ai semilavorati, alle pietre. Importanti le novità legate a questa edizione: le aree tematiche sono state suddivise per stile e genere e hanno consentito ai visitatori una chiara visione d’insieme e un percorso alternativo tra le diverse merceologie presenti in manifestazione. L’area Collezioni (pad 9-11) è stata dedicata alla presentazione delle novità di stagione e delle nuove linee, e nell’area Cash & Carry (pad 13-15) è stato possibile acquistare direttamente, con consegna immediata, su minimo d’ordine. Grande fermento anche per il concorso The Best of Bijoux, organizzato in collaborazione con Preziosa magazine: sabato 8 settembre sono stati “incoronati” i vincitori delle quattro categorie in gara.


“In un momento di mercato difficile per tutti Macef
– ha dichiarato Marco Serioli, Direttore Divisione Exhibition di Fiera Milanoha voluto concentrare la propria attenzione sull’ascolto e lo studio delle nuove esigenze dei consumatori. Questo per supportare gli operatori – cruciale anello di congiunzione tra produttore e mercato – nel necessario processo di cambiamento. Quindi non solo nuovi progetti ma anche e soprattutto strumenti conoscitivi e momenti di confronto con le esperienze più innovative, con particolare riferimento all’evoluzione dei punti vendita”.

Un investimento che è stato ripagato dal successo che hanno ottenuto gli appuntamenti e i workshop realizzati in collaborazione con Business International, Confimprese, Camera di Commercio di Milano e Regione Lombardia che hanno registrato la partecipazione di un migliaio di operatori. Sul fronte digitale, l’attività sui social network, ha permesso a Macef di aumentare del 36% la sua visibilità sul web. Prossimo appuntamento con Macef, a gennaio, dal 24 al 27.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *