di


Macef Bijoux, focus sugli accessori di ricerca: la borsa vista con il filtro del design

Dal 12 al 15 settembre il Salone milanese ospita nel padiglione 16 un’area e un concorso a cura di Circuiti Dinamici e Sonia Patrizia Catena

E’ un comparto sempre più solido, che negli anni è riuscito a veicolare nel mondo l’identità dell’eccellenza made in Italy. Lo confermano i dati dell’Unic, Unione nazionale industria conciaria: la pelletteria del Belpaese ha chiuso il 2012 con una produzione di oltre 4,8 miliardi ed esportazioni per 3,7, circa il 75 per cento.

Di questo comparto la borsa rappresenta il prodotto per eccellenza. Ecco perché Macef Bijoux ha ideato una iniziativa dedicata a questo accessorio ormai irrinunciabile: un’area apposita ed un concorso. Il Salone dedicato alla Casa e alla Persona, in calendario dal 12 al 15 settembre a Milano, ospita Circuiti Dinamici e alcune delle borse selezionate per il concorso “Ridefinire cose: La Borsa”, risultato di una selezione di designers che lavorano nel campo dell’accessorio contemporaneo, riprogettato tramite il design.

L’area allestita al padiglione 16, a cura di Sonia Patrizia Catena e Circuiti Dinamici, è la location di un progetto che ha come obiettivo quello di valorizzare una nuova estetica dell’accessorio che tramite il design come processo d’innovazione,  implica progettazione, ricerca e soluzioni innovative.

Il Made in Italy, oggi, dovrebbe promuovere una forte innovazione, produrre ricerca e stimolare un continuo dibattito culturale e scientifico dove integrare il sapere tangibile e distintivo, la capacità progettuale e manifatturiera e, soprattutto, distributiva e comunicativa. Impiegare materiali differenti e ricercare soluzioni alternative permette alla materia di guidare la creazione entrando in un dialogo serrato con il designer e la progettazione.

In questo scenario si configura il ruolo della ricerca: i materiali presentano energie proprie che grazie all’artista e all’artigiano riescono a esprimersi in una determinata polifonia e in un preciso pattern ritmico, diventando memoria del gesto che li ha formati, strutturati, elaborati, con il fine di sviluppare un racconto comune, un discorso identitario che rappresenti l’individuo.

Un focus studiato da fieramilano per dimostrare la capacità di seguire le evoluzioni del mercato e i gusti dei consumatori: Macef Bijoux si completa di edizione in edizione con l’apertura a segmenti nuovi che ricoprono un ruolo sempre più importante. La prossima edizione, ancora più funzionale e ottimizzata, presterà attenzione alle nuove collezioni (nei padiglioni 16 e 20) ma anche alla vendita sul pronto, con l’area Cash & Carry al padiglione 14. Sesto appuntamento con la Trend Area a cura di Rita Spaggiari e Tini Bagattini. All’interno del padiglione 20, un’area di 180 metri quadri in cui verranno esposti i prodotti degli espositori di Bijoux, raccolti in un percorso espositivo che renderà immediato il riconoscimento delle principali tendenze di stagione e scoprire i migliori prodotti in mostra a Bijoux.

Il cerchio si chiude con il concorso The Best of Bijoux, organizzato da Macef in collaborazione con Preziosa magazine: una giuria selezionerà 10 aziende per ognuna delle 4 categorie in gara e i 4 vincitori saranno premiati sabato 14 settembre alle 12, presso l’area Tendenze al padiglione 20.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *