di


Lusso, Italia prima per numero di aziende

Tra i primi 100 gruppi del settore 29 società sono italiane, ma sono ancora in gran parte imprese familiari di dimensioni ridotte: 1,3 miliardi di dollari contro i 5,2 delle francesi

Prada Boutique

Delle prime 100 società del lusso al mondo, ben 29 sono italiane: il primato è soprattutto numerico, visto che per quanto riguarda il fatturato contribuiscono solo per il 17% al fatturato totale. Si tratta infatti perlopiù di società a struttura familiare (24 delle 29) e di dimensioni ridotte (in media 1,3 miliardi di dollari di ricavi dalle vendite di beni di lusso, rispetto a 5,2 miliardi di dollari delle società francesi). Deloitte fotografa ancora una volta il comparto del lusso, entrato nella seconda metà di quello che viene definito il “decennio dei cambiamenti“, il periodo tra il 2010 e il 2020, che vedrà un assestamento del settore.

L’Italia dunque è il primo paese per numero di società che operano nel mondo della moda e del lusso con 29 aziende, seguita dagli Usa che ne hanno 14 (pari al 19,5% del fatturato complessivo). Solo Luxottica compare tra le prime dieci per volume d’affari (al quarto posto), poi vengono Prada (15° posto) e Giorgio Armani (21° posto). I tre gruppi insieme rappresentavano quasi la metà delle vendite totali delle società italiane considerate. Dei 20 marchi che crescono più velocemente, otto sono italiani e tra questi spicca Marcolin, leader nella produzione di occhialeria. Canali di vendita – fisici e digitali – sempre più integrati; tra i paesi osservati dai big brand spicca l’India. 


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Orizzontale AMERICA