di


Luisa della Salda fa di nuovo parlare di sé con la collezione “Gli Sboccioli”

Quando un’idea trova riscontro di pubblico e di critica bisogna coltivarla per offrirle l’opportunità di raggiungere nuove vette. Si è mossa in questa direzione Luisa Della Salda che, convinta della necessità di puntare sull’inconsueto per rinnovare il rapporto con la sua clientela, ha voluto qualcosa di veramente originale ed ha utilizzato altri strumenti per spiegare la sua idea di eleganza. Le donne vogliono sempre di più e nella linea GLI SBOCCIOLI, una capsule collection realizzata interamente a mano, ha portato una trasformazione che lascia comunque intatto il concetto di grazia e di leggerezza, anche se il distacco dalle precedenti collezioni si avverte piacevolmente forte.

Amplificando la suggestione domina visivamente il campo una rete di bronzo, ma morbida come un tessuto per assumere le forme più impensate, che compensa eccellentemente il metallo nel suo utilizzo più classico. Forme luminose e soffici che hanno un forte ascendente sull’effetto d’insieme, quasi che dalla scelta del colore dipenda interamente la forma. Creazioni diversamente preziose che introducono ad un lusso giovane come nella maggior parte della produzione del brand. Quasi necessarie le une alle altre, pirite, madreperla e perle – in alcuni modelli come fagocitate dalla rete – si combinano tra loro in una impronta decisamente romantica per un soave effetto decorativo al quale partecipa il bottone/chiusura in argento nei bracciali.

Uno stile che accarezza i modelli settecenteschi comparandosi con le tendenze più moderne. Le coordinate per bissare un nuovo successo ci sono tutte e la conferma è arrivata alla scorsa fiera di Vicenza Choice dove GLI SBOCCIOLI è stata presentata con successo in anteprima.

Influente la scelta cromatica ridotta a poche raffinate tonalità eppure tanto cariche di colore in questi gioielli montati in argento 925 che si completano con bracciali, orecchini e collane, tutti molto vari gli uni dagli altri per vestire la quotidianità e per incantare.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *