di


Luciano Capossela: il Papillon, nuovo gioiello per la vanità maschile

È anche conosciuto come cravatta a farfalla e da sempre accompagna le occasioni importanti (di rigore il black tie per lo smoking e il white tie per il frac). In tempi più recenti, però, è riuscito a sdoganare le idee più formali del dress code maschile facendosi irrinunciabile passepartout nel guardaroba di lui. Perché i dettagli, si sa, fanno la differenza!

Quel sapore ancien si è mutato in un tratto easy sempre più smart per una nuova eleganza in blazer o doppio petto.


È l’ultimo dandy style, volutamente un po’ sopra le righe, e con quel quid di bon ton che lo acclama capo informale da portare sempre, ovunque. Anche tutti i giorni.


Sul suo appeal ruota il “Progetto Papillon” di Luciano CAPOSSELA, oggi titolare del laboratorio orafo artistico “LUCIANO CAPOSSELA GIOIELLI”, ma già destinatario di numerosi importanti riconoscimenti (ultimo in ordine cronologico il primo posto al Premio Jacopo da Trezzo 2014 “Le Esposizioni Universali”).

In generale i gioielli e gli accessori per l’uomo sono estremamente tradizionali. Io voglio realizzare qualcosa di veramente unico, destinato a un uomo di classe che non vuole passare inosservato.” Ha dichiarato l’artista campano.

Ricerca, design e innovazioni estetiche molto interessanti lo hanno portato verso declinazioni prima inimmaginabili che hanno messo al bando le sete, i rasi e i piqué a favore di un materiale dall’animo green come reclamano le produzioni ecocompatibili: il legno. Legno pregiato che diventa la base delle sue creazioni, tagliate, modellate e rifinite interamente a mano secondo le tradizionali tecniche di falegnameria e senza l’utilizzo di pantografi. E se i pattern sono in legno, i particolari sono i preziosi protagonisti di attraenti declinazioni: oro 18 Kt o argento 925 disegnano trame morbide come tessuti lavorati rispettivamente secondo l’antica finitura etrusca o con pietre sintetiche sapientemente incastonate a scacchiera. Entrambi eseguiti con la tecnica della cera persa e, in ogni fase, per mano dell’artista confermandoli veri gioielli da indossare. Esempio di eccellenza è il modello con corallo dove il ramo per la sua naturale struttura rende unico e irripetibile ogni soggetto.

capossela-min
Luciano Capossela indossa papillon con corallo e oro

“Tutti i papillon sono frutto di una lavorazione complessa, che richiede fino a 40 ore di lavoro per i modelli più elaborati. Ogni singola pietra viene incastonata nell’argento che a sua volta viene incassato sul legno di ulivo, noce o wengé. “ Ha aggiunto l’orafo designer.

E per una finitura di classe non poteva non essere di alto artigianato anche il nastro di seta, esclusivamente taylor made in uno storico laboratorio comasco.  Luciano Capossela progetta e realizza su misura rilievi scultorei che hanno la valenza di vere opere d’arte e ogni papillon gioiello può essere personalizzato su richiesta del cliente, anche con gemme preziose. E per un total look sta elaborando disegni di gemelli, bracciali e pochet abbinabili per colori e materiali alle bow tie.

Il suo papillon gioiello è stato testato in occasione di eventi di rilievo, a Roma e Milano, e presentato all’International Jewellery Show Bijorhca a Parigi, ovunque è stato accolto con interesse e gradimento, sia dal pubblico maschile sia da quello femminile, dando forza ad un progetto ambizioso che apre nuove strade nel mondo dell’accessorio, accostando la moda alla gioielleria.

www.lucianocapossela.com

Partecipazione all’International Jewellery Show Bijorhca
Esposizione all’International Jewellery Show Bijorhca

Partecipazione all’International Jewellery Show Bijorhca
Esposizione all’International Jewellery Show Bijorhca

Partecipazione all’International Jewellery Show Bijorhca
Esposizione all’International Jewellery Show Bijorhca

 


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Orizzontale AMERICA