di


Luciano Capossela, gioielli per sempre

Scorcio del laboratorio orafo artistico

Lavora nel suo laboratorio orafo artistico, a Calitri, terra ricca di storia in provincia di Avellino. Un luogo incontaminato dalla realtà dove dà forma alla fantasia modellando materie preziose e pregiate. La sua cifra stilistica è una complessa combinazione di memorie e di sostanze che da inflessibili diventano fluide come parole che affabulano.

Attestati, diplomi, premi, riconoscimenti nazionali ed internazionali, specializzazioni e tanto talento dietro ogni opera del maestro orafo che, forte della tradizione ceramica calitrana, ha dato un contributo all’innovazione nel design orafo.

Ricerca, ricerca e ancora ricerca per gli altorilievi microscultorei, in oro su ceramica a terzo fuoco smaltata e policromata, e il valore percepito è altissimo.


La mia Aida

Alla Madre Patria

Suoi sono: “La mia Aida“, realizzato per la soprano Katia Ricciarelli, una sintesi dei punti più toccanti dell’opera verdiana; “Alla Madre della Patria”, splendido bracciale encomiato dall’allora presidente Giorgio Napolitano per i 150 anni dell’Unità d’Italia, dedicato alla patriota Eleonora Curlo Ruffino; e poi “Cuore” per Irene Grandi; “Mater” per Manuela Arcuri; “Luce”, 1° posto al Premio Jacopo da Trezzo 2014…

Ogni monile è un capolavoro ma c’è qualcosa di più, c’è anche divertimento, e grande rivoluzione che sfocia nel “Papillon Gioiello”, un prezioso per la vanità maschile che sdogana il formale dress code. Come? Con un bow tie dandy style in legno pregiato di ulivo, noce o wengé, tagliato, modellato e rifinito interamente a mano secondo le tradizionali tecniche di falegnameria e senza l’utilizzo di pantografi, con particolari preziosi in oro 18 Kt o argento 925 e gemme incastonate una ad una manualmente.

Luciano Capossela con alcuni esemplari di Papillon Gioiello

Papillon Gioiello con nastro di seta, corallo e oro

Ma i progetti di Luciano Capossela sono tanti e mai banali, tutti incardinati sulla propria e innovativa tecnica della cera persa: il filato nel vuoto che dona dinamismo e leggerezza ad ogni oggetto.


capossela gioielli_4-min
capossela gioielli_2-min
capossela gioielli_7-min
capossela gioielli_6-min
capossela gioielli_1-min

La nuova collezione in oro e variegati opali è intitolata “METALLI E GEMME MUTEVOLI ED IRREQUIETI”, modellati esclusivamente dal soffio del maestro orafo sulla cera. Materie nobili ed evanescenti nuance avvinghiate in un abraccio indissolubile di grande seduzione.  Tutto il tempo speso con passione e abilità fa sì che non un solo dettaglio sia trascurato, non un solo particolare sia lì per caso perché ogni gioiello rappresenti un simbolo di classe ricco di significati.

www.lucianocaposselagioielli.com

 


1 commento

  1. LUIGI COPPOLA says:

    COMPLIMENTI A CAPOSSELA !!!! MA VORREI RICORDARE CHE QUESTO SISTEMA DI COSTRUZIONE LO SI FACEVA GIA’ NEGLI ANNI 80 !!! NELLE MARCHE (VEDI ANTONELLI VINICIO S.BENEDETTO DEL TRONTO GRANDE MAESTRO ORAFO N.PUNZONE ) E IN ABBRUZZO (PESCARA ) CON RISULTATI ” ECCELLENTI ” !!!!


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In Lebole secondo banner orizzontale