di


Livia Firth: nuovo documentario sulla sostenibilità, questa volta sull’estrazione dei diamanti

In Botswana la regista ha raccolto le opinioni di diversi investitori

Livia Giuggiolo Firth

È una produttrice cinematografica, nonché ex moglie del pluripremiato attore inglese Colin Firth, ma il suo nome è prima di tutto legato all’impegno green attraverso Eco-Age a supporto dell’eticità e dell’ecosostenibilità dei brand. Ha seguito la filiera della moda in tutti i continenti, esaminato le fabbriche e le fibre prodotte alla ricerca di soluzioni che salvaguardino il pianeta, ed ora la co-fondatrice e direttore creativo di Eco-Age, Livia Giuggiolo Firth, ha presentato a New York «The Diamonds of Botswana», un lavoro a quattro mani realizzato con il regista Andrew Morgan, con il quale aveva già firmato The True Cost, giudicato da Hollywood Reporter uno dei documentari di moda più influenti dell’ultimo decennio.

Per questo nuovo cortometraggio, Livia si è recata in Botswana per ripercorrere l’intero processo di estrazione dei diamanti attraverso le opinioni dei più disparati investitori del settore, dal Presidente della Repubblica del Botswana ad una camionista.

7 copia-min
4 copia-min
6 copia-min
5 copia-min
11 copia-min
Loading image... Loading image... Loading image... Loading image... Loading image...

«Andando in Botswana ero nervosa all’idea di trovare lo squilibrio a cui ho assistito altrove. Quando una singola industria genera ricchezza e ha un potere sproporzionato, può essere molto pericolosa. In Bangladesh e in altri punti caldi della fast fashion ho visto aziende abusare del loro potere e tagliare la corda senza avere alcun vero piano di uscita. Ma qui in Botswana ho visto la prospettiva positiva di ciò che può accadere quando le imprese operano in collaborazione con il governo e la società civile, quando cioè vengono effettuati investimenti a lungo termine in collaborazione con le comunità locali per garantire che i benefici siano veramente condivisi con coloro che vivono sul territorio. Sono venuta qui per dare un’occhiata a un’unica catena di approvvigionamento e me ne sono andata chiedendomi se questo Paese rappresentasse qualcosa di ancora più grande, un nuovo modello di business e se fosse così, sarebbe certamente qualcosa che ha bisogno di essere protetto». Ha raccontato Livia Firth.

La serie di documentari Fashionscapes è disponibile su www.eco-age.com, Eco-Age TV e dalla Primavera anche su Amazon Prime.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *