di


Letizia Maggio: la raffinata leggerezza della porcellana

Le sue creazioni sono esperimenti che contaminano la ceramica e l'oro grazie all'uso di tecniche diverse

Con una laurea in letteratura inglese e una carriera come insegnante, Letizia Maggio coltiva parallelamente la sua vocazione creativa, coniugando la passione per il gioiello contemporaneo a quella per la ceramica, della quale si innamora dopo aver frequentato un corso tenuto da Paola Paronetto negli anni ‘90.

Per affinare la tecnica frequenta corsi e seminari con noti ceramisti italiani e internazionali, come Andrea Sola, Giovanni Cimatti, Pietro Elia Maddalena, Mo Jupp, Elettra Cipriani, Annalisa Guerri, Luca Tripaldi e Silvia Celeste Calcagno. A partire dal 2005 si dedica alla creazione di gioielli in cui la ceramica è la protagonista.

Collezione Not Aloud

Sebbene la porcellana e la ceramica siano oggi i materiali preferiti, per le sue micro sculture indossabili si diverte a sperimentare, contaminando materiali e tecniche diverse. In modo del tutto naturale coniuga la purezza del bianco alla stampa e ai colori saturi, unisce i moduli geometrici alle forme organiche naturali per creare oggetti leggeri, raffinati e delicati.

Collezione Move Me

Nelle sue creazioni il tema del non finito, formale o superficiale, non è mai casuale e conferisce eleganza ai pezzi. Letizia Maggio ha fatto della sua passione una vera e propria attività artistica dal 2013 partecipando a mostre e fiere di settore.

@letiziamaggiojewelry


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *