di


leBebé, Vera e Qabala. Tre Marchi di successo per Lucebianca

I fratelli Verde, da sinistra, Paolo, Mariana e Fabrizio
I fratelli Verde, da sinistra, Paolo, Mariana e Fabrizio

È nell’antico Borgo degli Orefici di Napoli, che ha inizio la storia, con l’orafo Paolo Verde, che avvia la sua attività di produzione di monili in oro con la Oroverde, che ancora oggi a distanza di sessant’anni, rappresenta nella sua sede del Centro Orafo “Il Tarì” di Marcianise un punto vendita di preziosi molto importante nel panorama italiano. Da queste solide e storicizzate premesse, nasce nel 2007 Lucebianca, che grazie all’impegno ed all’energia dei nipoti di Paolo: Fabrizio, Paolo e Mariana, oggi, rappresenta con i tre brand, un’azienda altamente specializzata nell’ideazione, produzione e commercializzazione di oggetti preziosi.

leBebé,
oggi è un brand tra i più noti del nostro Paese e non solo (con una vendita di oltre 100mila unità attestate nel 2011), la sua diffusione, grazie ad importanti ed efficaci campagne di comunicazione (non ultimo, il delicato e romantico spot tv, girato dal regista Marco Risi) è dall’inizio del 2012 in espansione anche sul mercato spagnolo. La capacità imprenditoriale e la versatilità del gruppo manageriale ha proposto, in ampliamento alla vasta gamma di gioielli, anche una propria collezione di foulard di alto pregio a numero limitato, ed un delicato profumo per la mamma ed il bebé, inaugurando così, per la prima volta la vendita di un parfum in gioielleria.  A Capri e a Parma sono stati inaugurati i primi monomarca.


Vera, è il gioiello dell’amore che punta sul rinnovamento e la personalizzazione della fede nuziale, che può essere impreziosita con iniziali in brillanti o numeri che suggellano gli anniversari. I modelli sono brevettati e realizzati esclusivamente in Italia.


Qabala, è l’ultima creatura di Lucebianca. Novanta numeri, dall’antica qabbàlàh, e per ognuno di essi un valore associato. La linea in argento 925, che si declina in bracciali, ciondoli ed anelli, è pensata sia per l’uomo che per la donna.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *