di


La prima volta di un orafo nell’Ice: Licia Mattioli nel Cda

Nuovo incarico di responsabilità per la presidente di Federorafi: la nomina arriva  a poche settimane dall’incarico in Confindustria per l’internazionalizzazione

Nuovo importante incarico per Licia Mattioli, presidente di Confindustria Federorafi. Il Consiglio dei Ministri, su proposta del ministro dello Sviluppo economico Federica Guidi, l’ha nominata componente del Consiglio di amministrazione dell’Agenzia Ice. La nomina, tra l’altro, rappresenta un primato per il comparto orafo: mai, prima d’ora, un rappresentante del settore era stato presente nel vertice dell’Agenzia.

A poche settimane dall’incarico ottenuto in Confindustria – al fianco del presidente Giorgio Squinzi con la delega per l’internazionalizzazione, che di fatto equivale a una vicepresidenza – il ruolo della Mattioli continua a delinearsi sempre nella direzione della crescita economica dell’industria nei mercati esteri. Guardando al prossimo futuro, la neo componente del Cda Ice riconosce “un notevole cambio di passo del Governo nelle strategie di promozione ed internazionalizzazione. Ora il Governo dialoga e si confronta con gli imprenditori e si decide assieme quello che si deve fare”.

Nel Cda di Ice – Agenzia per la promozione all’estero e l’internazionalizzazione delle imprese italiane, sostituisce Paolo Zegna. Gli ultimi due incarichi di Licia Mattioli rappresentano una grande responsabilità in un paese manifatturiero di imprese soprattutto medio-piccole ed unbranded e votato all’export che per la globalizzazione è sempre più alla ricerca di strumenti nuovi e sofisticati per affrontare al meglio i mercati internazionali.

Importanti quindi le sfide da affrontare nei prossimi mesi confidando su un rinnovato slancio della nuova Agenzia ICE e, soprattutto, sull’avvio del Piano Straordinario per il Made in Italy che è stato appena presentato dal Ministro dello Sviluppo Economico Guidi e dal Vice Ministro Calenda: oltre 100 milioni di euro in ballo insieme alle riforme da tempo annunciate a partire dall’effettiva cabina di regia e dalla modifica del Titolo V della Costituzione.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *