di


La moda etica boccia Dolce & Gabbana

Il mercato si sta spostando verso una moda sempre più etica mettendo al bando le pellicce vere. Tra le ultime tendenze infatti c’è la ecological fur ma ancora qualcuno non lo sa. Evidentemente sono sempre di meno ma è importante che si aggiornino quanto prima anche questi renitenti affinché alle innocenti creaturine tenute in allevamenti impietosi venga riconosciuto il diritto alla vita.

Tra i “ritardatari” spicca il brand Dolce & Gabbana che tuttora ricorre all’uso di pellicce di visone senza però informare che dietro quel morbido e lucido pelo ci sono gabbie anguste, sporche, fili spinati, torture, sudiciume, e morte brutale. No, tutto questo non si vede ma è facilmente intuibile. A chi non riesce proprio ad immaginarlo la PETA fornisce l’investigazione, filmata da Malcolm Klimowicz, in cui si vedono gli allevamenti canadesi con gabbie stipate all’inverosimile dove i poveri animali provano a sopravvivere nonostante ferite profonde infette e sudiciume.

La moda è sempre più cruelty free e chi indossa pellicce vere non è trendy ma out e se può tornare utile, agli indecisi ricordiamo che un visone, un chinchillà, una volpe, un coniglio (chiamato sofisticatamente lapin) o qualsivoglia altro animale fornito da madre Natura di morbido pelo non nasce cappotto, borsa, collo, polso, portachiavi, cover per cellulari o fodera di scarpe (che assurdità!) e che per diventarlo vengono SCUOIATI.

Il direttore dei programmi internazionali di PETA, Mimi Bekhechi, ha dichiarato che “Quando così tanti stilisti e case di moda, tra cui Giorgio Armani, Gucci e Michael Kors, stanno includendo tessuti caldi ed eleganti senza l’uso animali, è impensabile che Dolce & Gabbana continui ad usare le pellicce degli animali. Quest’ultima esposizione mostra ancora una volta che pellicce, colletti e polsini condannano animali sensibili ad una vita miserabile all’interno di minuscole gabbie di ferro in questi allevamenti.”

PETA.org.uk.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In Lebole secondo banner orizzontale