di


ICE, Daniela Cosentini: uno degli obiettivi? La diversificazione dei mercati di sbocco

La risposta del gioiello italiano è stata vincente: qualità, stile, innovazione e competenza. La diversificazione dei mercati di sbocco è uno degli obiettivi per lo sviluppo delle Imprese e del Paese

di Daniela Cosentini


cosentini_6-minA valle dell’esperienza di Promozione dei Gioielli d’Italia negli scorsi anni, ho accolto con piacere l’invito di Preziosa Magazine, in occasione del suo decennale, ad annotare brevemente una riflessione, un bilancio, un auspicio, punto di arrivo di un lungo percorso in fieri.
Tante e diverse sono state le iniziative ICE di promozione del gioiello italiano, che abbiamo condiviso, dalle Mostre autonome con B2B in Europa e in Asia, operative, plurimercato; alla collettiva italiana alle Fiere internazionali JIS di Miami, cogliendo così anche il passaggio di buyer dall’America Centro meridionale; ai padiglioni italiani a Dubai, a Tokyo, a Hong Kong, teatro di presenze a tutto tondo dal globo; alle operazioni con la GDO, alle missioni di acquisto americane; e molto altro.

Protagonisti indiscussi di tutte le operazioni: le aziende, i prodotti del Life in Italian Style.
Insieme, abbiamo aperto mercati, opportunità, business, relazioni; e diversificato gli investimenti; e potenziato le quote nazionali; e reso conoscibile al mondo il cuore pulsante dell’Italia operosa, creativa, tecnologica, eccellente.

Di fronte ai cambiamenti dell’economia interna e internazionale, la risposta del gioiello italiano è stata vincente: qualità, stile, innovazione, accuratezza e competenza.
La determinazione e il talento nella creazione, l’intuito e l’organizzazione delle aziende di produzione, la fiducia, hanno consentito un lavoro d’équipe che ha coinvolto tutti, Istituzioni, Associazioni, Imprenditoria, raccogliendo i moderni challenge provenienti dai mercati e realizzando manifestazioni di forte impatto.
Io ho avuto la fortuna di esser parte di questa squadra.
A voi l’augurio di buon proseguimento del viaggio intrapreso.


 

cosentini_7-min


Quasi 7.500 sono le aziende italiane che compongono il settore orafo-argentiero-gioielliero (stime Centro Studi di Confindustria Moda su dati Istat e Movimprese), per un valore della produzione di circa 7,6 miliardi di Euro e oltre 31.000 addetti.


cosentini_1-min


A consuntivo 2017 i segnali sono incoraggianti: + 12% rispetto all’anno precedente le esportazioni italiane verso mondo; + 9% le importazioni. Il saldo commerciale presenta una variazione positiva, pari a circa 509 milioni di Euro, dopo un triennio di variazioni negative.


cosentini_8-min


cosentini_4-min


Tra i principali Paesi di esportazione, oltre la Svizzera – hub per l’Europa – e Hong Kong , che gioca lo stesso ruolo per la Cina, e più in generale per l’Asia, troviamo:

  • Gli EAU, dove l’elevata capacità di acquisto dei consumatori, unita ai volumi turistici, sostengono la domanda dei prodotti di lusso. Ciò mentre, lato offerta, si affacciano sul mercato competitor asiatici e non solo, le cui strategie di marketing possono contare su costi di produzione molto inferiori rispetto a quelli italiani.
  • Gli USA, quarto mercato di destinazione. Dopo la crisi finanziaria del 2007, gli Stati Uniti hanno mostrato i primi segnali di ripresa nel 2012. Da quel momento,  il Grande Mercato ha presentato uno sviluppo positivo costante. La previsione, da più parti, è quella di una crescita esponenziale, anche favorita dall’andamento del dollaro e dell’oro.
  • Segue la Francia, quinto fra i mercati di esportazione del gioiello italiano.
  • Infine, nell’ordine: Turchia, Regno Unito, Germania, Spagna; per chiudere i Top Ten con la Giordania.

    cosentini_9-min

 


Ed è proprio la diversificazione dei mercati di sbocco uno degli obiettivi e strumenti strategici delle politiche di sviluppo delle imprese e del Paese.
Per questo la Promozione del Settore, realizzata dall’ICE, coinvolge ogni anno nuove destinazioni; si affaccia in Paesi in evoluzione, alla ricerca dell’abbattimento delle frontiere; per trasformare il mercato mondiale in un grande territorio “domestico”, all’insegna del “fare, essere e vivere italiano”.

cosentini_5-min


bandina deccennale speciale

Questo studio di Daniela Cosentini Ufficio Beni di consumo – ICE-Agenzia è stato pubblicato nel volume dedicato al decennale di Preziosa Magazine


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *