di


La Cina porta a Milano la sua moda e vuole quella italiana

Domenica durante la fashion week riflettori puntati sul progetto Fashion Shiner del sito Jd.com, che vuole lanciare una piattaforma sul made in Italy

JDCOM

La moda cinese entra in Italia dalla porta principale – la settimana della moda di Milano al via oggi – ma è pronta a uno scambio con le migliori produzioni del made in Italy. Protagonista di questo progetto è JD.com, rivale cinese del colosso asiatico dell’ecommerce Alibaba, che domenica 27, a Palazzo Clerici, presenterà i lavori di quattro designer: Gu Lin, stilista della first lady cinese, Xiaoyan Xu, Ali Tan e Ivy Hu.

Dopo l’accordo siglato con Luxottica, ora l’e-tailer da 102 milioni di utenti si prepara a lanciare una nuova sezione sul suo portale tutta dedicata ai prodotti made in Italy (abbigliamento e accessori inclusi) che sarà presentata durante Milano Moda Donna. L’occasione per presentare il progetto di un Italian fashion mall è l’evento Fashion Shiner illustrato nei giorni scorsi da Mario Boselli, presidente onorario della Camera Nazionale della Moda Italiana.

“Il nuovo portale – ha anticipato in conferenza stampa Boselli, che ha seguito da vicino lo sbarco in Italia di JD.com – servirà a quei marchi 100% made in Italy, che non hanno in Cina una distribuzione retail significativa, per farsi conoscere al meglio”. Il progetto JD rientra nel piano per promuovere gli investimenti in Cina, anche attraverso l’ecommerce.

 


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *