di


Inchiesta: orologi preziosi surclassati da quelli ultraleggeri e low cost. Perché?

Orologio OPS! Flat Fall Winter 2010 2011

Sono i più giovani sul mercato, leggeri e low cost. Realizzati in materiali semplici e glamour li si trova in gioiellerie e fashion store ricercati. Sono gli orologi di ultima generazione diventati in breve tempo di gran moda, finiti al polso di vip e di una fetta grossa di pubblico, anche quello più legato ai modelli convenzionali. Qual è il motivo di tanto successo? Lo abbiamo chiesto a chi sta dietro a questi oggetti di culto e che ha saputo anticipare e sfruttare bene i nuovi orientamenti del gusto.

Qual è il pensiero chiave legato a questo prodotto?

“PlastiChic è nata da un sogno: creare un marchio fortemente design oriented con un’anima democratica. Democratica per funzioni d’uso del prodotto, quindi per tutti e per tutti i momenti; democratica per utilizzo di materiali provenienti dalla quotidianità di ciascuno; democratica per fascia di prezzo” risponde il suo ideatore Gabriel Elzarugh. “Creare un oggetto creativo e di design utilizzando al meglio le tecnologie più nuove in grado di abbattere i costi di produzione”. E’ l’operazione riuscita del team di OPS!, composto da un gruppo di amici che con un piccolo budget sono riusciti a farsi spazio tra i colossi del mercato.

Quali le ragioni del suo successo?

Per Giuseppe Casillo, AD e coordinatore dell’ufficio stile Altanus, da cui è nata l’idea di orologi in carta di 11 grammi di peso, il segreto sta nell’attenzione verso le tematiche ambientali. “PATCH by Altanus è il primo orologio al mondo realizzato in carta e quindi biodegradabile ed amico dell’ambiente. E’ probabilmente il simbolo ideale per manifestare – o meglio indossare al polso! – la propria sensibilità “verde””.

Perché questi orologi vanno di moda anche tra i vip e chi può permettersi un orologio con cifre a tanti zeri?

Secondo il team di OPS! “un prodotto ironico e di personalità nella sua sottile irriverenza formale strizza l’occhio alle più classiche e consolidate icone della moda e dell’accessorio, senza esserne mai una copia. E’ una sorta di “parodia” che diventa alternativa per chi non ha bisogno di esibire il proprio status, ma vuole invece esprimere la propria originalità e sensibilità attraverso il mondo delle tendenze delle nicchie di prodotto”. E’ grazie alla sua natura “ecologica”, secondo il coordinatore di Altanus. “A La Maddalena, ad esempio, PATCH ha riscosso un enorme successo presso il Mascalzone Latino Audi Team come protagonista dell’evento “Impatto Zero” nel corso del Louis Vuitton Trophy. Gli atleti del team velico hanno indossato il modello “Italia” dell’edizione speciale “Flags” ispirata ai colori delle bandiere internazionali.

Qual è stato finora il più grande motivo di orgoglio?

Per Gabriel Elzarugh “nel 2009, anno d’esordio, vedere il nostro orologio in silicone al polso di gente di tutte le età ed estrazione, così copiato per il suo successo. Ora PlastiChic è una mania in Giappone, in molti paesi d’Europa ma soprattutto negli Stati Uniti. Infine, aver convinto la Fondazione Keith Haring, ad affidarci la realizzazione di una collezione di orologi per celebrare il 20° anniversario della scomparsa dell’artista nel quale ci riconosciamo maggiormente. Solo Swatch prima, nella celebre collezione dell’86, ha portato Keith Haring in gioielleria!”.

In che direzione sta andando il vostro brand?

“Là dove lo porta il cuore, e spero potrà continuare a farlo per sempre!” è l’auspicio di Plastichic.  All’estero per Giuseppe Casillo che aggiunge “PATCH sta spopolando in Italia e riscuote grande apprezzamento anche all’estero, in Europa e negli USA”. Infine OPS!  che per il futuro ha “tanti progetti che potranno appassionare il nostro pubblico. Il prodotto giusto al prezzo giusto, semplice ma non banale, educatamente irriverente”.

PATCH by Altanus
Plastichic
Orologio OPS! Flat Fall Winter 2010 2011
PATCH by Altanus
Plastichic

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *