di


In vetrina ad Arezzo “Lo Splendore Eterno. L’oro a Casa Bruschi”

Un percorso espositivo nel gioiello dall’antichità a oggi parallelo alla mostra inaugurata alla Basilica di San Francesco. In mostra orecchini con perle e rubino stancabile del 18esimo secolo

È dedicata alla storia e all’evoluzione dell’oreficeria la mostra “Lo Splendore Eterno. L’oro a Casa Bruschi dall’antichità al XX secolo” proposta ad Arezzo dalla Fondazione Ivan Bruschi in occasione della mostra “L’oro nei secoli. Dalla collezione Castellani” organizzata da Mosaico e Munus nella Basilica aretina di San Francesco, inaugurata il 16 aprile  e aperta fino al 2 novembre prossimo. Stessa durata anche per l’esposizione di manufatti in oro di varie epoche e provenienze artistico/culturali della Fondazione Ivan Bruschi, intitolata al celebre antiquario aretino ideatore e animatore della Fiera Antiquaria di Arezzo.

L’obiettivo di questo percorso parallelo è quello di offrire una rassegna di oggetti nei quali l’oro compare sia come elemento principale che come legante di cammei, gemme imperiali e preziosi. Un modo per rendere omaggio alla grande tradizione aretina che da sempre eccelle nel settore orafo e che, grazie a questa arte, si è distinta da sempre in Italia e nel mondo.

Tra gli oggetti in mostra, gioielli della tradizione artistica veneziana del XVIII sec., come dei meravigliosi orecchini con perle disposte a guisa di collana con all’interno un rubino sganciabile in modo da formare due coppie di orecchini diversi e una collana con vaghi formati da corniole e da bulle in oro traforate. L’arte italiana del XX sec. è invece rappresentata da una spilla decorativa a motivi fitomorfi con perle e granati, composta da tre corpi di cui due pendenti.

Fino al 2 novembre si potrà così compiere un ulteriore viaggio nella Casa Museo di Ivan Bruschi: l’ingresso al percorso espositivo è compreso nel biglietto al Museo e ha un costo promozionale di solo 1 euro aggiuntivo per chi presenterà il biglietto relativo alla mostra allestita nella Basilica di San Francesco.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *