di


In un’opera di Ventrella rivive la leggenda della Madonna di Piedigrotta

“Jamme a truvà a Maria”, il 14 novembre 2012 presso l’atelier Ventrella Gioielli in via Carlo Poerio 11, a Napoli.

Sarà come dare seguito alla leggenda che ha dato inizio al culto della Madonna di Mergellina, quella che racconta di tre sconosciuti che, l’8 settembre del 1353, si ritrovarono a scavare sull’arenile di Mergellina, appunto, perché quella notte la Vergine era andata loro in sogno per chiedere di riportare alla luce una statua, la sua, insabbiata. Lo fanno a mani nude e non hanno alcuna intenzione di smettere. Sono Benedetto il monaco, Pietro l’eremita e Maria la monaca, e quando finalmente la trovano la portano ai ”piè della grotta”.

È la nascita di una leggenda, quella della Madonna del mare, oggi come ieri adorata e venerata dai pescatori di Mergellina.

Una leggenda a cui Ventrella ha dato nuova vita attraverso una mano esperta che ha ridisegnato il volto della Madonna di Piedrigrotta con in grembo il figlio. E ai suoi piedi ha posto il distintivo della Maison, il labirinto, quale senso enigmatico dell’opera.

Realtà e fantasia tornano ad incantare Napoli, una città sempre in bilico tra sacro e profano.

 

 


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Orizzontale AMERICA