di


In mostra a Singapore 250 anni di Vacheron Constantin

Ha scelto Singapore come scenario di una mostra che ripercorre oltre 2 secoli di storia dell’orologeria: il 14 giugno Vacheron Constantin inaugura l’esposizione “Treasures of Vacheron Constantin – A legacy of watchmaking since 1755” al Museo nazionale della capitale della repubblica asiatica, visitabile fino al 14 agosto.

Un viaggio alla scoperta della produzione di alta orologeria del marchio ginevrino, la prima grande mostra pubblica di uno dei patrimoni più ricchi della storia della misurazione del tempo. Concepito come un percorso educativo che ruota attorno allo spirito degli artigiani del 18esimo secolo, la mostra è una esplorazione dell’evoluzione dell’artigianato e delle influenze artistiche.

Il visitatore viaggerà indietro nel tempo attraverso 180 pezzi dal patrimonio della Manifattura di Ginevra, in una esposizione che copre 600 metri quadrati: dai documenti d’archivio appartenenti a Jean-Marc Vacheron e Francois Constantin particolare fino agli strumenti di orologeria e ai banchi da lavoro.

Il fulcro della mostra è un esempio brillante di questa realtà: l’orologio da taschino Les Bergers of Arcadia, creato nel 1923, incarna in sé l’alchimia del know-how sviluppato nel corso di una ricerca senza fine. Per diversi giorni dopo l’inaugurazione della mostra saranno presenti alcuni artigiani che affascineranno i visitatori con i loro segreti. Incisori, incastonatori, guillocheur, smaltatori e vetrinisti metteranno in condivisione il proprio know-how ereditato da secoli di eccellenza.

“Questa prima grande mostra  segna l’inizio di un lungo viaggio nella ricchezza culturale della nostra storia – ha dichiarato Juan Carlos Torres, direttore generale della maison -. Una storia che rimane una delle migliori dimostrazioni di una comunità che lavora bene in gruppo, dove ogni orologio è il risultato di una simbiosi di talenti e di uomini e donne straordinari che uniscono le loro competenze nel perseguimento di un obiettivo comune. È nostro dovere di condividere questo patrimonio che rappresenta un valore inestimabile nella storia dell’uomo”.

“Come dimostra questo viaggio – spiega Lee Chor Lin, direttore del Museo nazionale di Singapore – è evidente che la lunga storia dell’orologeria si concentra non solo sulle innovazioni per lo sviluppo e la tecnica, ma riflette anche l’evoluzione dei tempi, della storia in generale, così come le tendenze e i modelli di vita”.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *