di


“Impresa Continua”: contributi per trasferire le imprese ai giovani

Un incentivo a fondo perduto per il trasferimento delle imprese ai giovani, con l’obiettivo di facilitare il ricambio generazionale nelle aziende ed agevolare la creazione di nuova imprenditoria.

Questa la finalità del progetto “Impresa Continua”, promosso da Italia Lavoro nell’ambito del Programma AMVA (‘Apprendistato e Mestieri a Vocazione Artigianale) di sostegno alle imprese ed ai mestieri della tradizione artigiana. “Impresa Continua” intende appunto favorire l’accesso dei giovani ai mestieri tradizionali (tra cui la fabbricazione di gioielli e la lavorazione delle pietre)  e la trasmissione delle professionalità e dei saperi della tradizione italiana, attraverso  il trasferimento d’azienda da imprenditori con età superiore ai 55 anni a giovani imprenditori di età tra i 18 e i 35 anni non compiuti. Per trasferimento di azienda si intende il passaggio, , mediante compravendita o altri contratti similari, della proprietà di un’azienda o di quote che portino la partecipazione ad almeno il 51% di una società di persone (s.a.s, s.n.c.) o la cessione di una ditta individuale  da un imprenditore con età superiore ai 55 anni a uno o più giovani con età compresa tra i 18 e i 35 anni non compiuti L’avviso pubblico relativo al progetto “Impresa Continua” è stato pubblicato sul sito www.italialavoro.it ; il bando resterà aperto sino al 31 dicembre 2013 o comunque sino all’esaurimento delle risorse. Attenzione : solo alcune tipologie di attività sono ammesse al bando : tra queste, si va  dall’agricoltura alla lavorazione dei prodotti alimentari, dalla ristorazione al catering, dalla lavorazione di pietre e metalli alla gioielleria, dai prodotti del legno alla lavorazione della carta, dall’industria tessile alla confezione, fino a mestieri che sempre più rischiano l’estinzione come la legatoria, il restauaro artistico, la costruzione degli strumenti musicali. Per quanto riguarda il settore orafo, sono ammesse solo la “fabbricazione di oggetti di gioielleria ed oreficeria (cod. ATECO c.32.12.10)” e la “lavorazione di pietre preziose e semipreziose per gioielleria e per uso industriale (cod. ATECO c 32.12.20)

Le attività commerciali non sono ammissibili.

Va inoltre sottolineato che la domanda di contributo potrà essere presentata solo a subentro o rilevamento avvenuto, da parte dell’azienda subentrante : il contributo quindi è destinato al nuovo soggetto imprenditoriale che sostituisce la vecchia azienda.

E’ ammesso il subentro tra genitori e figli, o tra parenti in generale, così come la cessione ai dipendenti.

Vediamo in sintesi gli aspetti principali del bando.

Entità del contributo

  • 5 mila euro per trasferimenti di azienda il cui importo è compreso tra 10 mila e 29999,99 euro;
  • 10 mila euro per trasferimenti di azienda di importo pari o superiore a 30 mila euro.

Requisiti dei subentranti

  • età compresa tra 18 e 35 anni non compiuti;
  • non devono essere titolari di imprese individuali né soci al di sopra del 25% di società in attività.
  • Il subentrante può essere parente o dipendente del cedente

Requisiti dei cedenti
Le imprese cedenti devono rientrare nei limiti dimensionali delle microimprese e piccole imprese. Secondo l’Allegato 1 del Reg. Ce 800/2008, “si definisce piccola impresa un’impresa che occupa meno di 50 persone e realizza un fatturato annuo e/o un totale di bilancio annuo non superiori a 10 milioni di euro. si definisce microimpresa un’impresa che occupa meno di 10 persone e realizza un fatturato annuo e/o un totale di bilancio annuo non superiore a 2 milioni di euro.

Esse devono inoltre possedere i seguenti requisiti :

  • sede legale e operativa in Italia;
  • attività riferita ai codici ATECO pubblicati nell’avviso (per il settore orafo, “fabbricazione di oggetti di gioielleria ed oreficeria (cod. ATECO c.32.12.10)” e “lavorazione di pietre preziose e semipreziose per gioielleria e per uso industriale (cod. ATECO c 32.12.20;
  • avere forma giuridica di ditte individuali, società in nome collettivo o in accomandita semplice;
  • essere esistenti da almeno 10 anni.

Il titolare o socio della ditta cedente deve:

  • avere un’età superiore ai 55 anni;
  • essere da almeno 5 anni nella compagine societaria.

Termini e modalità della domanda di partecipazione
La domanda di contributo può essere presentata unicamente in via telematica attraverso il sistema informativo http://impresacontinua.italialavoro.it.

La domanda deve essere presentata non oltre il 31/12/2013, salvo esaurimento delle risorse disponibili.

Le domande saranno accolte in ordine cronologico.

 

 

 

 


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *