di


Il lusso disorientante dei gioielli de Grisogono

C’è un’oasi che si spalanca in tutta la sua grandiosità in posti ancora sconosciuti. Un luogo estremo dove vite diverse generano vite diverse, splendenti e mai uguali. È l’atelier di Fawaz Gruosi, l’infaticabile creatore della de Grisogono, dove prendono forma creature di rara inventiva, all’apice della bellezza. Dove aleggia il coraggio di superare la classicità, di violare un confine già visto. I suoi gioielli sono grandi migrazioni di colore, essenza di fuggevoli aurore boreali, esemplari che generano luce e calore dall’unione di ametiste, diamanti bianchi, gialli e brown, zaffiri multicolori, tsavoriti, rubellite e smeraldi. È un concerto continuo e vertiginoso, un simultaneo coinvolgimento dei sensi.

Creature di lontane galassie plasmate da tempeste di pietre preziose. Fawaz Gruosi è il protagonista di una performance magicamente folle, è un artista di raro talento ed i suoi gioielli sono simbolo di un lusso disorientante, di grande originalità e di ricercata esecuzione. Come pochi sa disporre all’interno dello spazio scenico i raffinati elementi modellando gioie meravigliose. È rappresentativo l’anello in oro rosa la cui fede si sviluppa in un fitto pavé di diamanti brown attorniato da numerosi clusters di limpidi smeraldi che convergono nel centro, dove esplode una imponente rubellite di 26.07 carati, o la immensa purezza della enorme perla che poggia su una tavolozza di incantevoli colori, per quello in oro bianco.

Grandi esemplari, due differenti unicum di altissima gioielleria. Una grandiosità che si respira uguale nei deliziosi boucle d’oreille in oro bianco attraversati da una impetuosa cascata di diamanti bianchi e zaffiri rosa dove aleggia un afflato di femminilità che si interrompe in due purissime gocce di ametista, o nella composizione di gemme, di diverse dimensioni e nuances, che vanno a combinarne di più grandi per un paio di orecchini, classicamente estrosi come un gioco di matrioske, montati in oro rosa. Creature splendide, perfette nella loro armonica eccentricità.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *