di


Il gruppo Richemont sempre più vicino a Buccellati

Il colosso del lusso sarebbe in trattativa per acquisire il marchio italiano, attualmente nel portafoglio di Clessidra: la valutazione sfiorerebbe i 200 milioni di euro

Buccellati_Parigi_Boutique
La boutique parigina di Buccellati

Si fanno sempre più insistenti le voci che vedono il colosso del lusso Richemont pronto ad acquisire il marchio di gioielleria Buccellati. La maison milanese è attualmente nel portafoglio dell’operatore di private equity Clessidra, che ne ha acquisito la maggioranza (il 67%) tre anni fa. Le anticipazioni emerse nelle scorse settimane sulla stampa sono state confermate da due fonti vicine alla società, mentre non ci sono conferme da parte delle due società. Le ultime voci parlano di una valutazione di Buccellati, da parte di Richemont, pari a 200 milioni di euro, cinque volte il fatturato dell’azienda, che nel 2015 ha chiuso a 41 milioni. Al momento, non risultano dichiarazioni ufficiali.

Fondata nel 1919, Buccellati è presente, oltre che in Italia, in numerosi mercati internazionali attraverso negozi di proprietà negli Stati Uniti, in Francia e nel Regno Unito, oltre che in diversi altri Paesi attraverso accordi distributivi. Anche dopo l’ingresso del fondo Clessidra, la famiglia ha mantenuto la partecipazione di minoranza ed è rimasta attivamente coinvolta nel business. Se andasse realmente in porto l’acquisizione di Buccellati, la maison si andrebbe ad aggiungere agli altri marchi di gioielleria del gruppo, come Cartier e Van Cleef & Arpels.

 

 

 


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Orizzontale AMERICA