di


Il diavolo “vende” Prada: nel lusso commessi più efficaci se snob

Luxury shop, più il commesso è snob e meglio vanno le vendite. È la curiosa evidenza emersa da una ricerca della canadese University of British Columbia pubblicato dal ‘Journal of Consumer Research’. Ad alcuni soggetti è stato chiesto di interagire con gli addetti alla vendita e dare poi un voto alla loro volontà di acquistare i prodotti. Con grande sorpresa i ricercatori hanno osservato che più il cliente propenso ad acquistare merci griffate era trattato male, tanto più aumentava il loro desiderio di shopping.

Marchi più commerciali, invece, sembravano richiedere maggiore garbo e educazione. “Dallo studio è emerso però che il commesso deve essere credibile – spiegano gli autori – perché se non ‘regge’ il personaggio il desiderio di acquisto si abbassa. Sembra che sia necessario il giusto tipo di snob nel giusto negozio”.

Ma non è l’unica notizia ai limiti del verosimile (senza nulla togliere alla scientificità della ricerca canadese). In Gran Bretagna, infatti, non sono da meno quanto ad originalità. La Benevolent Society, associazione benefica iscritta alla Allied Trades Federation (l’organismo madre del quale fa parte anche la British Jewellers’ Association), è alla ricerca di persone che abbiano in passato lavorato nel settore dei gioielli, ma anche di articoli da regalo e pelletteria, caduti in disgrazia e bisognosi di assistenza finanziaria.

Perché? Perché la Benevolent Society ha a disposizione le donazioni di aziende aderenti alla Federazione e i proventi del ballo annuale organizzato nel West Midlands nel mese di dicembre (lo scorso anno sono state raccolte 23mila sterline, il prossimo appuntamento è il 4 dicembre). Naturalmente, il denaro si tramuta, per i destinatari, in beni essenziali come cucine, lavatrici e frigoriferi ma anche in borse di studio per esigenze mediche, bollette e debiti.  E non è tutto: perché oltre a questa forma di sovvenzione, l’associazione organizza anche un viaggio annuale in pullman, per molti l’unica vacanza dell’anno.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *