di


Italian Exhibition Group: la Consob apre alla quotazione

Dopo la battuta di arresto Dicembre, riprende corpo la quotazione in borsa del più importante player fieristico Italiano

 

Italian Exhibition Group torna  in campo a giocare il suo secondo tempo. E’infatti di ieri la notizia che La Consob, Commissione Nazionale per le Società  e la Borsa,  ha rilasciato il provvedimento di autorizzazione alla pubblicazione del Documento di Registrazione, della Nota informativa sugli strumenti finanziari e della Nota di Sintesi, relativi all’ammissione alle negoziazioni delle azioni ordinarie di Italian Exhibition Group S.p.A. (IEG) sul Mercato Telematico Azionario organizzato e gestito da Borsa Italiana S.p.A.

Dopo l’annuncio della quotazione in borsa lo scorso novembre,  e con la  comunicazione dello stop alla quotazione  arrivato solo poco tempo dopo, il 2018 si era chiuso per IEG e per il presidente Lorenzo Cagnoni, con grande rammarico per l’operazione non riuscita.

La mancata quotazione rimetteva in discussione il piano industriale e gli investimenti che avrebbero dovuto essere coperti dall’operazione finanziaria, con conseguenze per tutti i comparti del settore fieristico di Italian Exhibition Group.  Il progetto di ampliamento della fiera ed il piano industriale presentato a dicembre 2017 che prevedeva un investimento da 61 milioni di euro, non avrebbero potuto rispettare tempi e modalità della  previsione iniziale.

Lorenzo Cagnoni

Cagnoni dichiarava : “La mancata quotazione e l’aggravarsi del ciclo economico del nostro Paese hanno mutato le condizioni del credito, presentando un quadro finanziario molto diverso da quello del passato. Rimane confermata la nostra ferma, fermissima volontà di creare le condizioni favorevoli per il mantenimento di quel tipo di programmazione.”

E proprio questa fermezza ha fatto sì che  la partita non si chiudesse.

L’inizio delle negoziazioni delle azioni sull’MTA è previsto  per il giorno 25 giugno 2019, e sarà  stabilito da Borsa Italiana con successivo avviso, subordinatamente alla verifica della costituzione del flottante sufficiente.

Il flottante vedrà  la partecipazione esclusiva di investitori qualificati italiani e istituzionali esteri. Non è prevista alcuna offerta ad un pubblico generico.

L’offerta avrà  ad oggetto complessive 5.392.349 di azioni poste  in vendita da Rimini Congressi(per massime 4.870.000 azioni) e Salini Impregilo (per massime 522.349 azioni


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Orizzontale AMERICA