di


I Gioielli in fermento sbarcano a Padova

Giovedì l’inaugurazione all’Oratorio di San Rocco: in mostra una selezione di gioielli di tutte le otto edizioni del concorso internazionale ispirato al vino

Gioielli in fermento a Padova-min
L’Oratorio di San Rocco a Padova che ospiterà “Gioielli in fermento” da giovedì 20 settembre

Una mostra speciale sta per aprire i battenti all’Oratorio di San Rocco a Padova: gioielli selezionati tra tutte le otto edizioni di “Gioielli in fermento”,  concorso internazionale ispirato al vino, saranno esposti a partire da giovedì 20 settembre (inaugurazione alle 18,30) fino all’11 novembre. Circondate dai preziosi affreschi cinquecenteschi, oltre 90 opere esposte tra cui i premiati dell’edizione 2018: RyungJae Jung (S.Korea), Sara Barbanti (Italy) premiata come artista emergente, e Laura Garcia Sanchez (EASD Valencia, Spain), Premio Città di Castel San Giovanni – Le Arti Orafe.

L’ideazione e la realizzazione del concorso sono a cura di Eliana Negroni, dell’Associazione Gioiello Contemporaneo AGC, che sarà a disposizione per le visite guidate, su appuntamento, nei sabati 13, 20 e 27 ottobre 2018 (per informazioni tel. 049 8753981 padovacultura.it).

Gioielli in fermento_1-2018-Ryungjae-Jung_02_Gioielli-in-Fermento-2018-Premio-Allied-Group-Città-di-Castel-San-Giovanni-min

Ryungjae Jung (Premio Gioielli in Fermento 2018)

Gioielli in fermento_2-2018-Sara-Barbanti_Resterà-necklace-Premio-Gioielli-in-Fermento-2018-Artista-emergente-1000_72dpi-min

Sara Barbantim collier "Resterà" (Premio Gioielli in Fermento 2018 Artista emergente)

Gioielli in fermento_Laura Sanchez

Laura Garcia Sanchez (Premio Città di Castel San Giovanni - Le Arti Orafe)

Gioielli in fermento_3-2018-Maura-Biamonti_Sentore-di-bacche-rosse-min

Maura Biamonti, Sentore di bacche rosse

Gioielli in fermento_11-2012-Francesca-Antonello_Drop_by_drop-min

Francesca Antonello, Drop by drop

Gioielli in fermento_8-2011 Gigi Mariani Rust II-min

Gigi Mariani, Rust II

Gioielli in fermento_12-2014-2018-Silvia-Beccaria-Bijou-à-boire-min

Silvia Beccaria, Bijou à boire

Gioielli in fermento_4-Annamaria-Zanella_Invited artist GIF2018_Bacco2012-min

Annamaria Zanella, Invited artist GIF2018

Loading image... Loading image... Loading image... Loading image... Loading image... Loading image... Loading image... Loading image...

“Gioielli in Fermento” è un concorso internazionale sul gioiello contemporaneo d’autore. I temi proposti per la realizzazione delle opere hanno luogo a partire dai panorami della Val Tidone: ambienti e panorami evocativi che testimoniano i legami con la tradizione agricola, gastronomica e quella, in particolare, del vino, che unisce tutta l’area mediterranea. Dal 2011 questi luoghi hanno ampliato i loro confini coinvolgendo artisti e designer internazionali, affermati ed emergenti, ad esprimere la propria relazione con questo contesto – da qui l’idea che dà titolo al progetto.

Nelle otto edizioni portate avanti finora si sono presentati al vaglio di giurie internazionali centinaia di autori, di cui la mostra presenta una selezione accurata del Catalogo 2018 e delle opere più rappresentative delle precedenti edizioni (Master Collection). La mostra annuale celebra l’assegnazione del Premio Gioielli in Fermento in collaborazione con enti di riferimento internazionale: Agc Associazione Gioiello Contemporaneo, Le Arti Orafe Jewellery School, Joya Barcelona Art Jewellery & Objects, Klimt02 Art Jewellery online network oltre al sostegno degli enti provinciali, all’associazione La Valtidone e ai sostenitori privati (Allied Group e delegazioni regionali dell’Associazione Nazionale delle Donne del Vino).

Le esposizioni avvengono in luoghi suggestivi, come la tenuta vinicola di Torre Fornello (dal 2011 al 2017) e, dal 2018, la Villa Braghieri Albesani, bene culturale del Comune di Castel San Giovanni (Piacenza). Toccheranno, quest’anno, anche altre destinazioni europee: Riga, in Lettonia (Gioielli in Fermento – Un Bel Panorama alla galleria Putti dal 6 al 21 settembre), e Barcellona (JOYA Art Jewellery and Objects – HUB Disseny, Museo del design, dal 4 al 6 ottobre).

Autori presenti alla mostra di Padova:

Francesca Antonello, Sara Barbanti, Silvia Beccaria, Maura Biamonti, Raffaella Brunzin, Isabelle Busnel, Sébastien Carré, Cristina Celis, Cédric Chevalley, Luisa Chiandotto, Angela Ciobanu, Rachael Colley, Lluís Comín, Clara Del Papa, Ylenia Deriu, Elin Flognman, Fabiana Gadano, Juanjo García Martín, Steffi Götze, Adam Hawk, Holland Houdek, Ryungjae Jung, Marilena Karagkiozi, Iro Kaskani, Malene Kastalje, Mia Kwon, Claire Lavendhomme, Heng Lee, Yi-Chen Lin, Ria Lins, Chiara Lucato, Daniela Malev, Paola Mirai, Viktoria Münzker, Esther Ortiz-Villajos, Joo Hyung Park, Liana Pattihis, Mabel Pena, Adrienn Pesti, Alessandro Petrolati, Marco Picciali, Alessandra Pizzini, Hester Popma-van de Kolk, Poppy Porter, Catherine Quattrociocchi, Rosanna Raljevíc Ceglar, Gianni Riva, Maddalena Rocco, Stefano Rossi, Kika Rufino, Stenia Scarselli, Marianne Schliwinski, Sandra Schmid, Sara Shahak, Sergio Spivach e Stefano Spivach, Claudia Steiner, Agnese Taverna, Eva Tesarik, Katja Toporski, Cristiana Turano Campello, Barbara Uderzo, Eriko Unno, Machteld van Joolingen, Federico Vianello, Yiota Vogli, Babette von Dohnanyi, Caterina Zanca, Laura Zecchini, Caterina Zucchi, Corrado De Meo, Maria Rosa Franzin, Nicoletta Frigerio, Gigi Mariani, GianCarlo Montebello, Fumiki Taguchi, Fabrizio Tridenti, Annamaria Zanella.

Sezione Scuole:
Laura Sanchez, Song Xu Jun Nan, Zhihui He, Zhou Ye Xi, Marta Alice Adda, Riccardo Bonetto, Fabio Cavarzan, Guido Schiavon Mariagiorgia Pacini, Hu Jun, Zhao Yi.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Dinacci 1280×90